*Il giorno 19 gennaio 2005 il gruppo di Alleanza Nazionale è stato ricevuto dal direttore di zona dott. Belligoni con il quale sono stati discusse una serie di problematiche che cronicamente investono ancora l’ex-Asl 12. Situazioni lasciate maturare senza che negli anni precedenti siano stati effettuati interventi o atti propedeutici al fine di risolvere radicalmente situazioni che sono sotto gli occhi di tutti. Le responsabilità regionali emergono lampanti ed il motivo principale è legato al continuo cambio di vertici dell’ex-asl 12 coniugata micidialmente ad una mancanza di indirizzi che se ci fossero stati in un positivo passaggio di consegne, i cambi di vertice non sarebbero stati un problema.
Per meglio dire gli indirizzi regionali sino ad oggi sono stati quelli di evitare l’eccellenza per San Benedetto e questo è stato l’unico e vero mandato delegato ai vari direttori che si sono susseguiti in questi anni.
Non siamo abituati “a sparare sul pianista? perché, come già detto, le responsabilità vengono da lontano e dall’alto, però, abbiamo chiesto al dott. Belligoni il massimo impegno teso a recuperare molto del tempo perso in un’ottica di collaborazione sulle scelte da operare a favore della cittadinanza.
Comprendiamo lo sfogo del dott. Narcisi, capodipartimento di emergenza, che dopo svariati anni vorrebbe vedere realizzato la creazione del dipartimento, ma il governo regionale ora è di centro-sinistra. Tra l’altro l’ubicazione del dipartimento di emergenza , dopo anni di discussioni, non si capisce ancora dove posizionarlo considerato il fatto che a raso dei pavimenti del piano –2 ci sono tombini delle fosse settiche: un fatto grave e vergognoso.
La Neurochirurgia rimane l’obiettivo principale ed anche qui il ritardo è tanto elevato da aver prodotto una mozione firmata da 30 consiglieri.
Abbiamo chiesto un netto miglioramento delle fasi organizzative interne allegandone una valida capacità di coinvolgimento delle equipe operative a carico di chi è deputato, nell’incarico, a sostenerne il percorso formativo. Migliorare la qualità delle prestazioni attraverso una continua verifica dei processi dei Drg e dell’assistenza diretta ai cittadini ed agli ammalati. Il territorio detiene ancora numerosi problemi tra i quali il coordinamento del personale del comparto oltre che la previsione di un aumento del numero degli operatori (infermieri e fisioterapisti).

* Alleanza nazionale, gruppo consiliare di San Benedetto del Tronto

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 615 volte, 1 oggi)