TORTORETO – Un museo che ospita il meglio della tradizione artigiana della pelletteria: quaranta pezzi in pelle provenienti da alcune famiglie nobili del teramano sono state raccolte dai titolari dell’azienda di Tortoreto, Gabriella, Giorgio e Carla Ripani per dare vita a questo progetto.
“Abbiamo riunito questi piccoli tesori in pelle, perfettamente conservati in un unico luogo. Fino ad oggi circa 3 mila persone l’anno hanno visto i 40 pezzi esposti tra i quali spiccano addirittura borsette del 1800 con chiusure in argento finemente lavorate” commenta Gabriella. “A quest’idea abbiamo poi dedicato una parte importante della nostra azienda. L’ingresso è libero, tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 12 e dalle ore 14.30 alle 19″.A visitare il museo questa volta saranno ben otto ambasciatori stranieri, tra cui dalla Russia Vitaly Litvin, dalla Bulgaria Vladimir Gradev, dall’Honduras Alejandro Vallagares, dalla Corea Youm Seong, dal Messico Javier Moctezuma, dalla Slovacchia Dagmar Barcanova, dall’Ucraina l’incaricato d’affari Serghiv Scalozub e dalla Cina Min Li Lin.
Oltre alla mostra-museo, la delegazione effettuerà una visita anche all’interno dell’azienda stessa, che conta oltre 30 dipendenti e un fatturato di oltre 3 milioni di euro l’anno. Per l’evento sono stati invitati i sindaci delle città abruzzesi, il Prefetto, il Presidente della Provincia, della Camera di Commercio, il Presidente dell’Unione degli Industriali di Teramo e le autorità civili e militari.
La delegazione ripartirà poi alla volta di Ascoli Piceno dove è attesa dal Sovrano militare dell’Ordine di Malta e dall’Accademia Collegio De’Nobili per la cerimonia d’investitura dei Nuovi Accademici.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 217 volte, 1 oggi)