Mark Turner, Jeff Ballare e Larry Grenadier sono i componenti della band newyorkese “Fly”, per la seconda volta al Bitches Brew dopo il concerto del 2001. Mark al sassofono, Jeff alla batteria e Larry al basso proporranno nel corso della serata sia i pezzi del loro album di debutto che ‘brani’ tratti da “Todas Las Cosas Se Van” scritto dal bassista Reid Anderson. Quella del trio sax-contrabbasso-batteria è una formula inusuale per i jazzisti, perché richiede una forte capacità di interazione tra i componenti del gruppo; anche perché per un sassofonista suonare senza pianoforte o chitarra non è certo facile. Ma ai membri della band, che musicalmente già si conoscevano, è bastato iniziare a suonare insieme, dando così vita ad una musica che fonde jazz, ritmi del Ghana, funk e rock moderno.
Dopo i Fly, che inaugureranno il secondo ciclo di concerti, sfileranno al Bitchew Brew nomi importanti del jazz contemporaneo: da Allan Holdsworth a Scott Henderson, da Joe Zawinul a Syndacate.
Il concerto dei Fly si svolgerà domenica 23 gennaio al Bitches Brew Jazz Club, presso l’Hotel International, v.le Rinascimento 47; il costo del biglietto è di 15 euro, ma per entrare occorre iscriversi al club, al costo di 10 euro (per gli under 25 euro 5). Inizio concerti ore 21,30.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 476 volte, 1 oggi)