SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Avevano architettato una truffa redditizia ai danni d’ignari cittadini tedeschi e francesi. Cinque rumeni clandestini, quattro uomini e una donna di età tra i 20 e i 30 anni, sono stati identificati e arrestati dai Carabinieri di Ascoli Piceno con l’accusa d’aver clonato carte di credito e di averle riutilizzate per fare acquisti di ‘lusso’ in diversi centri commerciali di Marche, Abruzzo e Puglia. La truffa era stata messa in piedi in pochi mesi grazie alla clonazione dei codici delle carte tramite internet.
Le forze dell’ordine sono riuscite a rintracciare la banda e a recuperare l’intera refurtiva, del valore complessivo di 20 mila euro. I truffatori risiedevano in abitazioni diverse tra Porto Sant’Elpidio e San Benedetto. I quattro uomini sono ora rinchiusi nel carcere di Ascoli Piceno, mentre la donna si trova in quello di Teramo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 679 volte, 1 oggi)