SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nato come spettacolo teatrale e divenuto successivamente un romanzo di successo, “Ardente Pazienza ovvero Il postino di Neruda” fu scritto da Antonio Skarmeta a metà degli anni ’80. Dal libro, tradotto in più di quindici lingue, è stata poi tratta la versione cinematografica con Massimo Troisi.
I motivi per cui Skarmeta volle scrivere di Neruda sono così descritti dall’autore stesso, che punta l’accento nella narrazione non sul Neruda famoso ma sull’uomo privato, “pieno di delicatezze, umorismo e gradevole ironia…Io venni in contatto con la sua lirica per motivi puramente erotici. Quando avevo 14 anni ero solito innamorarmi disperatamente ogni due giorni, ma non trovavo le parole per sedurre le ragazze; mi capitò tra le mani allora, un libro di Neruda “20 poesie d’amore e un canto di disperazione” attinsi dei versi e li sussurravo, come fossero i miei, alle orecchie delle ragazze…Da sempre volevo scrivere su Neruda, già dal 1969, quando andai a fargli visita a Isla Negra”.
Skarmeta racconta la storia di un ex pescatore, Mario Jimenez, nominato postino del villaggio di Isla Negra, in Cile. Nel paese abita una sola persona che riceve corrispondenza, il famoso poeta Pablo Neruda. Il legame di amicizia instauratosi tra Pablo a Mario porterà il poeta cileno a vivere strane avventure.
La compagnia ‘Gli Ipocriti’ porterà in scena lo spettacolo con Antonio Casagrande e Cloris Brosca giovedì 20 gennaio alle 21.15 al cinema Calabresi. I biglietti sono in vendita a euro 18.00 per la poltrona centrale e a euro 13.00 per la poltroncina; ridotto studenti 10.00 euro, 12.00 euro per le associazioni con sede a S. Benedetto. Prevendita: Teatro Calabresi dalle 20 alle 22. I tagliandi possono essere acquistati su internet sui ww.amat.marche.it www.comune.san-benedetto-del-tronto.ap.it e www.charta.it.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 677 volte, 1 oggi)