SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il vicesindaco, nonché assessore ai servizi sociali, Pasqualino Piunti, annuncia che lunedì 24 gennaio si apriranno le buste per l’assegnazione della gestione in via sperimentale del nuovo centro Alzheimer. Cinque le offerte giunte in municipio, due provenienti da cooperative locali (Oleandro e Arcobaleno), una da Roma, una d’Ancona e l’ultima d’Arezzo: tutte accettate perché aventi i requisiti richiesti. Dopo l’apertura delle buste la cooperativa vincitrice avrà 90 giorni di tempo per adeguare i locali, presumibilmente il centro dovrebbe essere funzionante entro aprile.
Piunti risponde con i fatti alle provocazioni del responsabile della sanità Ds, Giuseppe Cameli. “E’ stato volutamente escluso dall’analisi di Cameli tutto l’iter più recente la vicenda del centro Alzheimer – afferma Piunti -. Il fatto di limitare alla mera elencazione di tematiche senza entrare nel merito, denota superficialità politica: non conoscenza della realtà sociale. Si tratta di un attacco gratuito che fa pensare anche ad una sceneggiata scritta, tra l’altro male, da qualcun altro. Il centro Alzheimer è uno dei punti qualificanti di quest’amministrazione e sarà portato a termine?.
Il vicesindaco annuncia anche un incontro con il direttore dell’ambito territoriale, Maurizio Belligoni, che si terrà giovedì 27 gennaio, per chiarire che tipo d’iniziativa è stata presa per il CUP dell’ospedale civile e per discutere della mozione votata unanime dal consiglio comunale di San Benedetto del Tronto. Avremo novità sulla neurochirurgia?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 459 volte, 1 oggi)