SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il vicesindaco e assessore ai servizi cimiteriali Pasqualino Piunti annuncia che domani riprenderà regolarmente l’attività dell’impianto di cremazione delle salme del civico cimitero: la Picenambiente, che d’ora in avanti gestirà il servizio, ha appena ottenuto dalla Provincia le necessarie autorizzazioni alla sua gestione.
“La sospensione dell’attività è durata quindi pochissimi giorni – spiega Piunti – durante i quali sono state ricevute tre salme da cremare, una il 9 gennaio e due il 14 gennaio. I feretri sono stati collocati in un apposito locale interno alla struttura cimiteriale, in condizioni igieniche ottimali e adeguatamente sorvegliato. Ma ciò non ha mai impedito, a chi lo desiderava, di accedervi per portare un pensiero alle persone scomparse, visto che il personale del cimitero è a disposizione dell’utenza tutti i giorni dalle 7 alle 18,30?.
“Nessun problema – prosegue Piunti – per la tenuta dei feretri, visto che il materiale biodegradabile in essi contenuto consente una conservazione prolungata senza alcun rischio per l’igiene. Insomma, il servizio offerto dal nostro cimitero non ha nulla a che vedere con certe immagini di degrado di grandi cimiteri urbani che talvolta le cronache segnalano?.
“C’è da dire però che una lista di attesa per la cremazione è sempre esistita, visto che il nostro impianto, che lavora da più di 15 anni, accoglie salme provenienti da mezza Italia e non può effettuare più di una cremazione al giorno. Per questo – è la conclusione di Piunti – stiamo lavorando con Picenambiente per arrivare ad una ristrutturazione dell’impianto sia per abbassare i costi di gestione (passando dall’alimentazione a gasolio al gas metano) sia per consentire la cremazione di più salme al giorno?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 652 volte, 1 oggi)