MONSAMPOLO DEL TRONTO – Il loro era oramai un comportamento consolidato: vestiti distintamente come dei rappresentanti, in realtà usavano questo abbigliamento per camuffare il loro vero scopo, ovvero introdursi furtivamente negli appartamenti della Vallata del Tronto.
Ma nella mattinata del 13 gennaio i Carabinieri di Monsampolo hanno fermato una Golf targata Firenze, con a bordo due persone, T.A, 41enne e G.A., 50enne, entrambi napoletani e già pluripregiudicati per reati contro il patrimonio. Nella loro autovettura i due avevano un vero e proprio armamentario da ladri professionisti: all’interno di alcuni borsoni erano contenuti strumenti ed attrezzi per lo scasso, molti dei quali sono stati modificati per essere più adatti all’uso, nonché delle funi “tipo rocciatore?, predisposte per raggiungere le abitazioni situate ai piani superiori delle palazzine.
Insomma, doppiopetto di giorno, scarpe da tennis di notte: l’abbigliamento diurno serviva infatti loro per poter individuare, destando il minimo sospetto, gli appartamenti da visitare.
I due pluripregiudicati sono stati denunciati a piede libero per “possesso ingiustificato di strumenti atto allo scasso?, nonché muniti di foglio di via obbligatorio nel Comune di residenza con diniego di far ritorno nel Comune di Monsampolo, mentre il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.
I servizi stradali dei Carabinieri di Monsampolo erano stati intensificati proprio a causa delle segnalazioni che indicavano la presenza dei due acrobati del furto nella Vallata del Tronto nelle ore notturne.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.370 volte, 1 oggi)