SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una notizia in parte infondata, quella diffusa dal sito dell’UDC nei giorni scorsi e da noi riportata. Nessun incarico arbitrario del sindaco e nessun dipendente avrebbe svolto i compiti assegnati per redigere il piano comunale d’emergenza all’interno dell’orario di servizio comunale.
L’assessore Latini: “Ognuno è libero di basare la propria campagna politica come meglio crede, ma è necessario parlare di fatti veri. Il piano comunale d’emergenza è un’esigenza che deriva da norme regionali e si basa su una delibera di giunta di un anno e tre mesi fa, delibera quindi dove anche l’UDC ha fatto la sua parte?. Il direttore del servizio ambiente, Fausto Mozzoni, asserisce che nessun dipendente ha svolto i compiti assegnati all’interno dell’orario lavorativo del comune ed il compenso si riferisce ad un anno di lavoro.
Lo “sconosciuto? consulente esterno, nominato nel sito dell’UDC, è Riccardo Paganelli, in realtà un esperto ed ex dirigente della protezione civile della regione Marche, che ha redatto anche il piano d’emergenza regionale. La delibera di giunta dove sono nominati i dieci consulenti interni è la n.304 del 17 novembre 2003.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 586 volte, 1 oggi)