CUPRA MARITTIMA – Dalla volontà di un gruppo di appassionati è nato nel 1976 il presepio poliscenico di Cupra Marittima, dedicato a Paolo Fontana, un amico dell’associazione nonché promotore del progetto scomparso diversi anni fa.
Il “Comitato del Presepe Permanente”, divenuto nel 1984 “Associazione Amici del Presepio Permanente”, ha iniziato ad allestire i diorami nel 1976. Il crollo della Chiesa della SS. Annunziata, dove il presepe era allestito, ha interrotto l’attività che è stata ripresa nel 1987.
Inserito da un’indagine del “Sole 24” tra i 118 principali presepi italiani, unico per la provincia di Ascoli insieme a quello di Comunanza, quello di Cupra Marittima è un presepe composto da 19 scene che narrano i momenti più salienti della vita di Cristo. Le statue di circa 20 centimetri sono modellate in terracotta da artisti spagnoli di fama internazionale. Per l’allestimento del presepe si è seguita la tecnica catalana, che limita l’utilizzo del muschio e dei movimenti preferendo l’uso del gesso ad altri materiali. Le ambientazioni e gli sfondi sono quindi in gesso e sono lavorati dagli organizzatori secondo la scuola dei Maestri presepisti Catalani. Anche le piante provengono dalla Spagna e sono state realizzate in piombo o terracotta.
Il presepe è visitabile tutti i giorni dal Natale all’Epifania. Il mese di gennaio resterà aperto la domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00. Riaprirà da metà luglio a fine agosto e in concomitanza con le manifestazioni cittadine organizzate nel Castello di Marano di Cupra Marittima. Sono inoltre possibili aperture fuori periodo a gruppi organizzati o scolaresche previo preventivo accordo. Info www.presepiocupra.com, e-mail info@presepiocupra.com

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 267 volte, 1 oggi)