Una Samb letteralmente trasformata giovedì scorso nei secondi 45’ ha annientato il Padova, la stessa squadra (con il solo Leon al posto di Alberti) è stata schiacciata nella ripresa da un Giulianova stile “Rubens Fadini?, cioè tutto cuore e grinta. Neanche Santa (De) Lucia entrato sull’ 1-2 è riuscito ribaltare il risultato. Si è praticamente ripetuto il copione di Napoli: Bogliacino un mese e mezzo fa al San Paolo e Cigarini oggi hanno svegliato un cane che stava dormendo e che, subì to il gol, ha cominciato a ringhiare e ad azzannarre gli avversari come se fosse malato di rabbia. Il cammino esterno della Samb comincia da essere preoccupante: due soli punti conquistati nelle ultime cinque trasferte, tre gol fatti e sette subiti, l’ ultima vittoria risale esattamente a quasi un girone fa, cioè a Fermo. Il portiere Di Dio, particolarmente sfortunato comunque, ha subito cinque gol nelle ultime tre partite, mentre Spadavecchia ha raccolto il pallone in fondo al sacco cinque volte in quattordici incontri disputati. In sala stampa il consulente di mercato D’Ippolito ha annunciato l’ ingaggio di un terzo portiere, Ivano Cortelli, nato a Roma il 31/03/1980 ed ex Primavera della squadra giallorossa. Cortelli lo scorso anno ha militato nell’ Almas Roma (Campionato di Eccellenza locale) e quest’estate era stato acquistato dall’ Ancona di Ermanno Pieroni e messo a disposizione di Vavassori prima e di Foschi poi nel ritiro di Arcevia: poi a causa delle note disavventure del patron dorico era rimasto senza squadra prima di essere acquistato dal Latina. I giocatori della Samb sono rimasti male, ma ben peggiore è stata la delusione dei circa 1500 tifosi rossoblù che hanno espresso i loro disappunto per lo scarso numero di biglietti messo a loro disposizione con un eloquente striscione: “Giulianova società vergogna?. Effettivamente neanche l’abbassamento del prezzo della curva Ovest locale a solo 3 euro è riuscito a riempirla. Ampi spazi anche nei distinti, per cui considerato che tranne qualche scaramuccia in tribuna non si è verificato alcun episodio spiacevole, si poteva tranquillamente riservare almeno altri 500 biglietti di distinti ai tifosi rossoblù. Encomiabili comunque anche oggi, nonostante la grande delusione e le sofferenze atroci del secondo tempo: la partita del tifo, del cuore e della signorilità come al solito l’hanno vinta loro!
ROBERTO RANERI

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 400 volte, 1 oggi)