Un video che oltre al servizio di inventariato e catalogazione contribuisce a far conoscere agli stessi marchigiani le bellezze della propria terra da salvaguardare e conservare. Come ha commentato Vito D’Ambrosio, Presidente della Regione, “SalvaMarche costituisce un documento importante per la memoria e un segno incisivo che arricchisce l’inventario di beni culturali e storici delle Marche. Abbiamo una lunga e forte esperienza di Marche da salvare” prosegue D’Ambrosio, “dopo quelle terremotate, ma c’è sempre bisogno di conoscere meglio la realtà del territorio, le emergenze di una regione piena di tesori che vanno conservati”.
Il video documentario, che verrà distribuito dalla Regione Marche alle biblioteche e alle scuole della regione, raccoglie una selezione di 16 servizi, quattro per provincia, tratti dalla rubrica omonima del TG Marche in onda ogni giovedì dopo il telegiornale delle 19.35.
La rubrica “SalvaMarche”, coordinata da Rina Rossetti, realizzata sul territorio con i servizi di Francesca Alfonsi e Simonetta Ippoliti, le riprese di Massimo Mossi e il montaggio di Sandro Borgiani, è stata recentemente premiata all’Abbadia di Fiastra, insieme al Tg itinerante, dall’Associazione Revocazioni Storiche.
Sembra inoltre che grazie alla rubrica, stimolato da un servizio mandato in onda, l’imprenditore calzaturiero Lattanzi, abbia espresso la volontà di contribuire al recupero architettonico della casa natale di Osvaldo Licini a Monte Vidon Corrado.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 554 volte, 1 oggi)