Samb. Finalmente la Samb ha giocato male e perso! Fosse successo sempre così ora i nostri rossoblù avrebbero almeno quattro punti in più. Nel senso che, chi gioca male perde. Ma si sa che nel calcio non sempre è così, anzi. Spesso sono altri i fattori che determinano i risultati. Anche gli arbitri ma non solo. Il gol che è il sale del gioco del calcio e che è l’unico aspetto che fa veramente felici arriva raramente dopo azioni corali spettacolari ma quasi sempre è frutto della furberia quando non è casuale. Vedasi autogol o deviazioni fortuite che spiazzano il portiere. Perchè dico questo? Perchè riguarda l’attuale Samb che arriva spesso spettacolarmente davanti alla porta avversaria ma segna poco. E’ la dimostrazione (basta anche guardare le carrellate dei gol domenicali) che le azioni corali non fanno rima con la palla che finisce dentro la rete della porta avversaria. Samb-Sora è l’esempio ‘vivente’ più recente. Normale quindi non vincere anche quando si gioca bene. Un aspetto che può trasformarsi in suggerimento per l’imminente ‘mercato’ invernale. A questa squadra non serve tanto un centravanti bravo quanto due giocatori (anche quarantenni!!!) nei reparti di centrocampo ed attacco. Per semplificare altri due… Colonnelli. Cioè quell’uomo giusto che in difesa c’è già. Mi spiego meglio: un Mihalovic o uno Zola. Naturalmente con le dovute proporzioni. Forse sbaglio ma la Samb non ha mai avuto un rigore a favore e, su calcio da fermo, ha segnato solo a Cittadella. Eppure le statistiche dicono che la maggior parte dei gol arrivano, come si suol dire. dalle ‘palle inattive’. La differenza di 12 punti tra la Samb e il Rimini è tutta qui. Dimenticavo: nel giorno degli auguri mister Ballardini ha detto una cosa inutile. “Non bisogna paragonare questa Samb con quella di un anno fa” E’ vero ma al sottoscritto risulta che nessuno lo ha fatto. Inoltre le classifiche a confronto che vedono la sua squadra sesta come negli due campionati, non fa che aumentare i suoi meriti. L’unico problema, a parte i rinforzi mirati a cui accennavo prima, lo ha evidenziato il portiere Di Dio nelle interviste post Martina “I troppi complimenti non ci hanno aiutato…”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 102 volte, 1 oggi)