TERAMO – La Guardia di Finanza in provincia di Teramo ha scoperto, nel 2004, 29 evasori fiscali. L’attività ispettiva ha consentito di recuperare a tassazione circa 7 milioni di euro di Iva evasa e oltre 14 milioni di euro in materia di imposte dirette. L’emissione di fatture per operazioni inesistenti, infine, e’ risultato essere il reato fiscale commesso piu’ di consueto tra gli imprenditori segnalati all’autorita’ giudiziaria.
Nell’attivita’ ispettiva, poi, sono stati individuati 72 lavoratori in nero o irregolari, risultati in prevalenza di nazionalità cinese, connotazione che sottolinea come sia ormai numerosa, in provincia di Teramo, la comunita’ asiatica che opera in gran parte nel settore del confezionamento dei capi di abbigliamento e di pelletteria, o nella conduzione di attivita’ commerciali.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 285 volte, 1 oggi)