Parte piano la Samb ma pensa e studia l’avversario. Tant’è che dal 20’ minuto l’azione rossoblù diventa imprevedibile per la difesa sorana che va in affanno almeno 4 volte. In corrispondenza di azioni che non si sono concluse in gol soltanto per sfortuna. In conclusione un primo tempo durante il quale si è corso molto da entrambe le parti. Il parziale è 0-0 ma poteva andare anche andare peggio senza un intervento sulla linea di porta con Spadavecchia irrimediabilmente battuto. La ripresa è stata identica alla prima frazione come atteggiamento in campo: primi minuti di attesa poi attacchi in massa ma senza i risultati del primo tempo. Gli unici pericoli per il portiere ospite arrivano nei minuti finali.
Finisce così 0-0 con il rammarico dei gol abbastanza facili non realizzati nei primi 45 minuti. Nella ripresa infatti abbiamo assistito ad una gara diversa probabilmente perchè il tecnico avversario ha preso ulteriori contro misure.
L’unica consolazione è che un anno fa, una gara quasi identica finì 1-0 per il Sora, oggi forse si è giocato con la paura che riaccadesse. L’unico appunto che ci sentiamo di fare a Ballardini è il mancato inserimento di Favaro. Il tecnico ha spiegato che il ragazzo era scosso anche per motivi extra calcistici (stamattina un suo amico calciatore, Del Bello, si è spento in seguito ad un incidente stradale).
Domenica si va a Martinafranca, ultima in classifica. Guai a sottovalutare gli avversari. Il Sora di oggi ha dimostrato che in questo torneo c’è molto equilibrio. Poi oggi i pugliesi hanno perso appena zero a uno a Napoli.
Credo che oggi si possa fare una valutazione che va al di fuori del risultato ottenuto. Si dice: manca un centravanti in grado di concretizzare il gran gioco che tutta la squadra svolge. Sarà vero ma personalmente sono del parere che quel giocatore potrebbe essere Vidallè. L’argentino ha le doti per salire nella classifica dei cannonieri. Anche Martini ma l’ex pesarese un po’ meno, in compenso è molto abile negli spazi larghi. A Vidallè va data fiducia cieca per almeno quattro gare (finora soltanto a Lanciano non è stato sostituito!) perchè, forse, i minuti in cui non ha giocato potevano essergli utile per qualche gol in più che significano efficacissime iniezioni di fiducia. Anche perchè, nonostante non abbia segnato molto, nelle ultime gare è stato molto utile al gioco di squadra. Non sarà facile per l’avv. D’Ippolito trovarne uno sicuramente migliore, senza svenarsi. Cosa che non ci sembra sia proprio il caso di fare. Almeno credo. Fosse il contrario sarei ancora più felice ma, credo, che in questo momento è meglio non scombussolare la politica societaria che mi sembra azzeccatissima.
Cronaca
Dieci minuti da Serie A
8’ Corner per la Samb, tre rossoblù sul pallone, incorna Vidallè ma sfiora soltanto la sfera che finisce fuori. 18’ Martini si libera sulla fascia sinistra e fa partire un buon tiro ma non sufficientemente forte, Ripa respinge a mani aperte. 22’ azione splendida Cigarini-Amodio-Martini che potrebbe servire lo smarcato Vidallè invece preferisce cercare il gol e per poco non ci riesce. Il pallone colpisce l’esterno della rete- 24’ un quasi contropiede dei rossoblù mette Tedoldi, davanti al portiere, spreca tirando altissimo per la gioia dei difensori sorani. 29’ angolo battuto da Bogliacino, ci arriva per primo Tedoldi ma Ripa è bravo a respingere corto, Vidallè non arriva a ribattere in rete. 33’prima Martini colpisce di testa, Ripa respinge, Bogliacino allarga su Tedoldi che serve Vidallè e Martini liberi davanti a Ripa, Vidallè scivola, Martini si impappina e l’azione sfuma in… corner.35’ contropiede del Sora, Spadavecchia esce incontro a Luciani che lo supera con un pallonetto che finirebbe in rete senza l’intervento ‘miracolosa’ di Zanetti. 36’ sospetto rigore su Vidallè che si lamenta con l’arbitro. 45’ bella azione personale di Bogliacino che serve Martini. Il piccolo attaccante si gira ed effettua un tiro cross sul quale Vidallè e Tedoldi non arrivano a ribattere a rete. 74’ Leggerezza di Spadavecchia che si lascia sfuggire il pallone, per fortuna Campo non inquadra la porta. 86’ punizione di Bogliacino per Zanetti che con una spettacolare rovesciata manda di poco alto. 88’ almeno quattro rossoblù potrebbero tirare da buona posizione ma nessuno lo fa.
Giudizio arbitro: 6,5
Una buona direzione. Sbaglia pochissimo ed applica molto bene la nuova regola che da esclusivamente all’arbitro la discrezionalità di interrompere il gioco, indipendemente dalla richiesta dei giocatori in campo.
Giudizio avversario: 6
E’ costretto alle barricate dalla pressione irresistible della Samb (periodo centrale del primo tempo). Appena può sfodera contropiedi pericolosi. E’ inferiore alla Samb quindi fa pienamente il suo dovere per non perdere.
NAZZARENO PEROTTI

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 379 volte, 1 oggi)