GROTTAMMARE – Sabato scorso è stata organizzata dall’Assessorato alla Cooperazione internazionale di Grottammare e dalla Consulta per la fratellanza tra i Popoli, una cena di beneficienza per finanziare la costruzione di una falegnameria a Itiuba, la città della regione Brasiliana di Bahia con la quale, da diversi anni la comunità grottammarese ha instaurato un gemellaggio al fine di promuoverne lo sviluppo economico e sociale. Oltre trecento persone hanno risposto all’appello ed erano presenti nella serata.
I legami tra Grottammare ed Itiuba sono nati anche grazie all’interessamento di un grottammarese che da anno risiede ad Itiuba, Sandro Vespasiani. Nel 1996 una drammatica siccità mise in difficoltà l’economia di Itiuba e Vespasiani si rivolse alle principali istituzioni italiane per ottenere aiuto: pronta fu la risposta di Grottammare che, in questi otto anni, non ha fatto mancare il suo aiuto alla città brasiliana: esempio concreto di questo rapporto sono gli otto pozzi di acqua potabile che garantiscono lo sfruttamento agricolo e commerciale di un vasto frutteto.
Ora, con l’allestimento di una falegnameria, partirà alla volta di Itiuba anche un falegname in pensione, Lorenzo Piergallini, che resterà per un mese in Brasile al fine di approntare la struttura e istruirne all’uso. Questo viaggio segue quelli effettuati lo scorso anno con il “Progetto Rondine?, con il quale, lo scorso anno, un gruppo di artigiani grottammaresi hanno insegnato ai ragazzi di Itiuba alcuni mestieri.
Alla serata erano presenti il Sindaco Luigi Merli, che ha sottolineato che “con l’impegno di tutti si possono raggiungere traguardi importanti?, dal presidente della Provincia di Ascoli Piceno ed ex Sindaco grottammarese Massimo Rossi, che si è congratulato per il fatto che si continua ad andare avanti in un progetto non certo semplice. L’Assessore alla Cooperazione Cristina Costanzo ha letto il messaggio di saluto e compiacimento dell’Assessore Provinciale Licia Caligola.
Nel complesso sono stati raccolti circa 5.000 euro di contributi, tra cui 500 da parte dell’Azione Cattolica San Pio X e 300 dal circolo anziani Ischia II. Altri fondi sono stati raccolti dalle aziende commerciali di Grottammare e delle zone limitrofe, senza dimenticare l’aiuto della direzione del ristorante “Le Terrazze?.
Un ultimo ringraziamento da parte dei presenti è andati ai circa quaranta ragazzi dell’Istituto Alberghiero di San Benedetto del Tronto che ha curato la cucina e il servizio ai tavoli, coordinati dai docenti Manuele Bani, Vincenzo Guardato, Walter Di Matteo e Karina Vincentale. Si tratta di un gruppo di studenti che il dirigente dell’Istituto, Nicola Latini, ha creato appositamente per le “grandi occasioni?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 631 volte, 1 oggi)