SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Consiglio comunale è stato convocato dal presidente Giorgio De Vecchis per giovedì 9 dicembre alle 18,30 in prima convocazione. Nove i punti all’ordine del giorno.
– Come prevede la legge, deve essere approvato l’assestamento generale del Bilancio con il quale, dice il Testo Unico per l’Ordinamento degli Enti Locali (che in verità prevede il termine del 30 novembre), “si attua la verifica generale di tutte le voci di entrata e di uscita, compreso il fondo di riserva, al fine di assicurare il mantenimento del pareggio di bilancio?. Da questa verifica è emerso un ulteriore avanzo di amministrazione di quasi 400.000 euro (per l’esattezza 396.880) che saranno destinati, tra le altre cose, alla manutenzione ordinaria del patrimonio comunale (227.000 euro) e alla realizzazione di una superficie in erba sintetica al campo sportivo “Ciarrocchi? (125.000 euro). Si tratta per l’esattezza di un contributo alla società sportiva Porto d’Ascoli, che gestisce l’impianto, pari al 50% del costo stimato del lavoro. Con la stessa delibera si quantificano nuove esigenze finanziarie da riportare sul bilancio pluriennale 2004/2006: tra esse, le somme necessarie per la proroga dei contratti del personale a tempo determinato dei settori Anagrafe e Tributi, per l’affidamento di incarichi di consulenza per l’impiantistica elettrica e per l’attuazione del controllo di gestione interno all’Ente, per la compartecipazione del Comune alle spese di funzionamento delle palestre scolastiche di proprietà della Provincia.
– Sarà proposta la modifica al regolamento per l’imposta sulla pubblicità che esclude dalla maggiorazione del 100% della tassa le pubblicità installate all’interno degli impianti sportivi comunali.
– Per quanto riguarda la materia urbanistica, si proporrà al Consiglio l’adozione definitiva delle varianti al Piano regolatore per la realizzazione della Piazza S. Pio X e per la nuova viabilità, compreso un nuovo sottopasso ferroviario, in zona S. Giovanni, nei pressi del Centro commerciale “Porto Grande?. Nel primo caso, la Giunta proporrà di respingere l’osservazione presentata dai proprietari dell’area su cui dovrà sorgere la Piazza e quella avanzata dalla ditta SIPA in fase di avvio del procedimento. Nel secondo caso, l’adozione del Comune è già avvenuta: si tratterà solo di adeguare la variante alle prescrizioni dell’Amministrazione provinciale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 195 volte, 1 oggi)