GROTTAMMARE – “Con un solo nostro appuntamento teatrale contiamo di purificare uno spettatore da due mesi di televisione?: con questa provocazione il sindaco di Grottammare Luigi Merli ha commentato la programmazione teatrale proposta dai comuni di Grottammare e Ripatransone.
Le due città infatti hanno deciso di unire le proprie forze, sostenute dalla Provincia di Ascoli e dall’AMAT. La rassegna teatrale è stata intitolata “Teatro della Parola?.
“Il motivo di questo titolo?, spiega Enrico Piergallini, Assessore alla Cultura di Grottammare, “va ricercato nel tentativo che abbiamo fatto di dare risalto alla grande letteratura: i testi saranno recitati da attori di qualità e sostenuti da un sottofondo musicale?. Piergallini parla di un “calendario coraggioso e resistenziale?: “Gli spettacoli teatrali proposti faranno da deterrente al cicaleccio e alla volgarità dei nostri tempi?.
Per quanto riguarda Grottammare la rassegna sarà interessante anche perché prevede la nuova inaugurazione del Teatro dell’Arancio del Paese Alto, recentemente recuperato per mostre artistiche e adesso anche per spettacoli teatrali. “In questo modo la città regala a sé stessa un vero e proprio gioiello?, precisa il sindaco Merli: una sala del Teatro dell’Arancio, che potrà comunque ospitare spazi espositivi, verrà allestita con alcune opere di Giacomo Pomili (in arte “Il Tarpato?)
Remo Bruni, Assessore alla Cultura di Ripatransone e co-artefice dell’iniziativa, ha posto il punto sulla necessità che questa programmazione intercetti anche il pubblico medio: “Il primo appuntamento, il 14 dicembre, è con Arnoldo Foà, un nome che è in grado di abbinare la cultura e l’arte teatrale con la presenza di un pubblico numeroso che il nostro Teatro Mercantini può ospitare?. L’iniziativa, ha concluso Bruni, dovrebbe garantire il prosieguo di tante altre collaborazioni tra Ripatransone e Grottammare, che coinvolgeranno i comuni che si trovano a nord della Valtesino come Cossignano e Montalto.
Gino Troli, presidente dell’AMAT, ha elogiato le due amministrazioni per l’alta qualità della proposta: “Questa programmazione è una piccola gemma per la dimensione teatrale e per le scelte drammaturgiche che spaziano dal sudamerica a Pasolini a Baricco. Senza dimenticare i grandi attori. Una vera cesura rispetto al rumore televisivo.?
Questa la programmazione:
14 dicembre 2004, Ripatransone: “Novecento? di Arnoldo Foà;
22 dicembre 2004, Grottammare: “Viaggio sentimentale? con Eugenio Allegri;
22 gennaio 2005, Grottammare: “Un affetto più grande di qualsiasi amore? con Piergiorgio Cinì;
19 febbraio 2005, Grottammare: “Nudi di donna?, con Lucia Ferrati;
20 febbraio 2005, Ripatransone: “Non avere paura del buio?, di Angelo Ferracuti;
12 marzo 2005, Ripatransone: “L’amore probabilmente?, con Piergiorgio Cinì;
18 marzo 2005, Grottammare: “Locanda Almayer?, Teatri Liberi Esperimenti da “Oceano mare? di Baricco;
1° aprile 2005, Ripatransone: “Cirano di Bergerac?, Teatri Possibili;
5 aprile 2005, Grottammare: Emma Dante legge e commenta “I fratelli Karamazov?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 573 volte, 1 oggi)