GROTTAMMARE – “Con un solo nostro appuntamento teatrale contiamo di purificare uno spettatore da due mesi di televisione�?: con questa provocazione il sindaco di Grottammare Luigi Merli ha commentato la programmazione teatrale proposta dai comuni di Grottammare e Ripatransone.
Le due città infatti hanno deciso di unire le proprie forze, sostenute dalla Provincia di Ascoli e dall’AMAT. La rassegna teatrale è stata intitolata “Teatro della Parola�?.
“Il motivo di questo titolo�?, spiega Enrico Piergallini, Assessore alla Cultura di Grottammare, “va ricercato nel tentativo che abbiamo fatto di dare risalto alla grande letteratura: i testi saranno recitati da attori di qualità e sostenuti da un sottofondo musicale�?. Piergallini parla di un “calendario coraggioso e resistenziale�?: “Gli spettacoli teatrali proposti faranno da deterrente al cicaleccio e alla volgarità dei nostri tempi�?.
Per quanto riguarda Grottammare la rassegna sarà interessante anche perché prevede la nuova inaugurazione del Teatro dell’Arancio del Paese Alto, recentemente recuperato per mostre artistiche e adesso anche per spettacoli teatrali. “In questo modo la città regala a sé stessa un vero e proprio gioiello�?, precisa il sindaco Merli: una sala del Teatro dell’Arancio, che potrà comunque ospitare spazi espositivi, verrà allestita con alcune opere di Giacomo Pomili (in arte “Il Tarpato�?)
Remo Bruni, Assessore alla Cultura di Ripatransone e co-artefice dell’iniziativa, ha posto il punto sulla necessità che questa programmazione intercetti anche il pubblico medio: “Il primo appuntamento, il 14 dicembre, è con Arnoldo Foà, un nome che è in grado di abbinare la cultura e l’arte teatrale con la presenza di un pubblico numeroso che il nostro Teatro Mercantini può ospitare�?. L’iniziativa, ha concluso Bruni, dovrebbe garantire il prosieguo di tante altre collaborazioni tra Ripatransone e Grottammare, che coinvolgeranno i comuni che si trovano a nord della Valtesino come Cossignano e Montalto.
Gino Troli, presidente dell’AMAT, ha elogiato le due amministrazioni per l’alta qualità della proposta: “Questa programmazione è una piccola gemma per la dimensione teatrale e per le scelte drammaturgiche che spaziano dal sudamerica a Pasolini a Baricco. Senza dimenticare i grandi attori. Una vera cesura rispetto al rumore televisivo.�?
Questa la programmazione:
14 dicembre 2004, Ripatransone: “Novecento�? di Arnoldo Foà;
22 dicembre 2004, Grottammare: “Viaggio sentimentale�? con Eugenio Allegri;
22 gennaio 2005, Grottammare: “Un affetto più grande di qualsiasi amore�? con Piergiorgio Cinì;
19 febbraio 2005, Grottammare: “Nudi di donna�?, con Lucia Ferrati;
20 febbraio 2005, Ripatransone: “Non avere paura del buio�?, di Angelo Ferracuti;
12 marzo 2005, Ripatransone: “L’amore probabilmente�?, con Piergiorgio Cinì;
18 marzo 2005, Grottammare: “Locanda Almayer�?, Teatri Liberi Esperimenti da “Oceano mare�? di Baricco;
1° aprile 2005, Ripatransone: “Cirano di Bergerac�?, Teatri Possibili;
5 aprile 2005, Grottammare: Emma Dante legge e commenta “I fratelli Karamazov�?.