SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Professor Pietro Vittorio Curzi, attualmente docente di Geologia presso la facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna è tornato nel mese di ottobre ad esplorare la sua terra d’origine per realizzare un programma scientifico intitolato “Evoluzione tardo quaternario della Laguna Italiana?, il cui scopo è quello di ricostruire gli ambienti antichi risalenti a qualche centinaio di anni fa.
La zona interessata è stata la Sentina e le ricerche in campo, svolte con i fondi dell’Università di Bologna, sono consistite in due sondaggi ciascuno profondo 60 m. effettuati dalla Land Service di Bologna e cinque prove penetrometriche con piezocono del DISTART dell’Università di Bologna – Due, di queste prove sono state ubicate presso la scuola di Via Alfortville e di Via Colleoni dipendenti dal 2° Circolo Didattico di San benedetto del Tronto dove sono stati eseguiti due pozzi artesiani (-18m), gratuitamente, vista la disponibilità dimostrata dall’Amministrazione Comunale attraverso l’opera del Dirigente Scolastico Prof. Giovanni D’Angelo.
La campagna geologica e geognostica, nella zona Sentina ha permesso di raccogliere dati molto interessanti, ma per i risultati definitivi si dovranno attendere le complesse e lunghe analisi e gli studi da effettuare nei laboratori dell’Università di Bologna e di Ancona. Una prima valutazione è stata fatta presso i fornitissimi laboratori dell’I.P.S.I.A. con la collaborazione del Dirigente Sante Pulcini dove sono state eseguite le prime analisi sui sedimenti delle carote, in spezzoni di circa 1 – 1,5 m prima di essere inviati a Bologna.
I docenti del 2° Circolo didattico hanno potuto assistere all’esecuzione di un sondaggio e di una prova penetrometrica moderna, illustrata nei dettagli dal Prof. Curzi che è riuscito a suscitare un notevole interesse per la sua ricerca tanti che i docenti hanno richiesto di poter organizzare degli incontri con il geologo sambenedettese e gli alunni del 2° Circolo per lezioni di studio ambientale e conoscenza delle ere geologiche del nostro territorio.
Il Prof. Curzi ha accettato con grande piacere di “farsi due chiacchiere? con i bambini per avvicinarli a questa meravigliosa scienza “la Geologia? che ci permette di ricostruire la storia della nostra terra attraverso la riscoperta dei suoi misteri, nascosti nelle profondità.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 193 volte, 1 oggi)