ANCONA – Le violentissime mareggiate della settimana scorsa hanno riportato alla ribalta il problema dell’erosione costiera. Per affrontare questa emergenza l’assessore regionale ai Lavori Pubblici, Cataldo Modesti, ha incontrato ad Ancona i Sindaci dei comuni colpiti, i rappresentati delle Associazioni di categoria e gli operatori turistici per fare il punto della situazione e concertare con loro gli interventi a difesa della costa.
I sindaci intervenuti all’incontro hanno chiesto, date le esigue risorse delle proprie Amministrazioni locali, che il Governo centrale e Regione stanzino i fondi necessari per riparare i danni causati dagli eventi meteo-marini che hanno compromesso il litorale marchigiano.
Le preoccupazioni degli amministratori sono dovute ai tempi di sistemazione dell’arenile, presumibilmente lunghi, che potrebbero mettere a rischio la prossima stagione estiva, in particolare il volano dell’economia locale di diversi Comuni che vivono essenzialmente di turismo. I Sindaci hanno inoltre sottolineato che la devastante mareggiata, oltre a distruggere le strutture in alcuni tratti costieri, ha fatto scomparire la spiaggia lambendo la ferrovia, le strade e le civili abitazioni.
“Abbiamo voluto effettuare questo incontro – ha sottolineato Modesti – per verificare le criticità della costa marchigiana alla luce dell’ultima mareggiata eccezionale e concordare l’utilizzo di fondi attraverso i provvedimenti d’urgenza. Nel bilancio 2005 della Regione, approvato nell’ultima seduta di Giunta, sono stati stanziati 6 milioni di euro, circa 1 milione di euro in più rispetto alle risorse dell’anno precedente, per avviare il Piano di gestione integrata delle aree costiere. La fase di consultazione del Piano con gli enti pubblici e privati si concluderà con le osservazioni che dovranno pervenire entro la prossima settimana: il Piano è stato apprezzato e condiviso dai Comuni e dagli operatori di settore e prevede una spesa complessiva scaglionata in 10 anni di 120 milioni di euro.?
“Per garantire una rapida ripresa delle attività turistiche in vista della prossima stagione – ha precisato Modesti – bisognerà concertare con gli amministratori locali e gli operatori di settore per intervenire immediatamente nei tratti costieri.?
“Auspico – ha concluso l’Assessore – che il Consiglio dei Ministri proclami nei prossimi giorni lo stato di emergenza per i danni del 13 novembre e giorni successivi e che lo stesso sia accompagnato da uno stanziamento significativo di risorse. Purtroppo nella mareggiata del 24 settembre scorso lo Stato non ha erogato alcun finanziamento. La Regione dirotterà una parte dei fondi stanziati nel bilancio regionale 2005 a favore dei comuni colpiti dal grave fenomeno dell’erosione costiera. Spero che anche il Governo faccia la sua parte, stanziando adeguate risorse finanziarie.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 222 volte, 1 oggi)