NAPOLI – Gli azzurri sono tornati ad allenarsi ieri pomeriggio, dopo il pareggio di Teramo. Buono il morale del clan partenopeo, nonostante la classifica non proprio benaugurate in chiave play off e nonostante le mille polemiche concernenti gli arbitraggi.
Ieri sono stati a riposo precauzionale Sosa – per la solita microfrattura al mignolo del piede che lo costringe a stringere i denti durante la settimana e nel corso delle partite – e Gatti, mentre ha lavorato regolarmente Savino, il quale però non dovrebbe essere tra i titolari domenica contro la Samb: lo staff sanitario partenopeo ha deciso di non rischiare il difensore, soprattutto alla luce del caso Pozzi. Il giovane attaccante del Napoli infatti è dallo scorso 3 ottobre (trasferta di Lanciano) che si sta portando dietro i postumi dello stiramento al collaterale mediale del ginocchio destro; tutti coloro che lo hanno visitato, hanno ritenuto opportuno non intervenire chirurgicamente, ma Pozzi continua ad avere dolore e soprattutto ad essere indisponibile. Oggi il calciatore si farà vedere dal noto ortopedico Martens, del quale il Milan negli anni si è avvalso più volte, con la speranza che la situazione si faccia un poco più chiara.
Nella giornata di ieri il presidente di Lega di C Mario Macalli ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla partita Teramo-Napoli. Macalli si è sentito telefonicamente col direttore sportivo azzurro Pierpaolo Marino ed anche se non si è sbilanciato troppo sui presunti torti arbitrali a sfavore del Napoli (“Ad arbitrare gli azzurri vengono mandati sempre arbitri di prima fascia. Sono i Collina della serie C, ma anche a Collina capita di sbagliare?), si è lasciato andare ad una confessione neanche troppo velata riguardo le condizioni pietose del terreno di gioco del Comunale: “In quelle condizioni le squadre non hanno potuto disputare una normale gara di calcio, entrambe le formazioni, non solo il Napoli. È per questo che ci faremo sentire con i responsabili del mondo arbitrale?.
Ma la vigilia di Napoli-Samb è resa ancora più incandescente dalle parole di Roberto Sosa, il quale ha dichiarato senza mezze misure “Le dirette di Sky ci stanno danneggiando?. Il calciatore azzurro si spiega meglio: “Sia gli avversari che gli arbitri che dirigono il Napoli pensano di vivere una giornata da protagonisti. Si gasano: andiamo in campo e tutta l’Italia, grazie alle telecamere ed alla diretta di Sky, ci guarda?.
Intanto lo stesso Sosa e il difensore Nicola Mora hanno svelato un piccolo ma importante retroscena: Marino avrebbe chiesto alla squadra di agganciare la zona play off – per ora distante 4 punti – entro Natale. Il difensore partenopeo ammette infatti: “Abbiamo stilato una tabella: entro Natale, saremo in zona play off. Sono convintissimo delle possibilità della nostra squadra. Ne sono a tal punto convinto che posso garantire che Marino non sarà costretto a ritornare sul mercato per rinforzare il Napoli. Questa pagina storica vogliamo firmarla soltanto noi che abbiamo iniziato questa avventura?.
Poi Mora conclude con una battuta sulla Samb, prossima avversaria, e sul sogno chiamato serie B: “Ho visto che la Sambenedettese è forte sul fronte destro dell’attacco, ovvero dal mio lato. Sono pronto. A Paestum, dopo la sconfitta col Chieti, ci sedemmo attorno ad un tavolo e facemmo un patto, il patto per la promozione. ?Chi non se la sente, si faccia da parte. Chi vuol lottare, alzi la mano?, dicemmo. Si alzarono ventiquattro mani. Da due gare, la grinta e la concentrazione sono massime. Il Napoli entro Natale sarà nei play off e a maggio, primo?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 300 volte, 1 oggi)