Mastellarini: sono orgoglioso di essere il presidente della Samb! Non ho più parole per questo fantastico pubblico. A San Benedetto il calcio è più di una semplice passione e bisogna viverla da vicino per capirlo fino in fondo. Oggi abbiamo affrontato una squadra allestita per vincere il campionato ed anche se ho sentito Cuccureddu lamentarsi per un ipotetico rigore in favore degli irpini, credo che se la vittoria potesse essere assegnata “ai punti? come nella boxe, sarebbe stata assegnata alla samb. Se devo essere sincero, non avrei mai pensato di trovarmi in questa posizione di classifica a metà novembre. La squadra è stata allestita in tutta fretta a settembre, ma ha dimostrato di essere in grado di fronteggiare alla pari qualsiasi avversario. Domenica si va a Napoli ad affrontare un avversario che fa paura solo a pronunciarlo. Faremo la nostra gara, senza timori reverenziali, sapendo che comunque ci saranno più di 2500 tifosi ad aiutarci-
Colonnello: credo che il pareggio sia il risultato più giusto. Non credo ci fosse un rigore per l’Avellino, anzi l’arbitro avrebbe dovuto fermare il gioco prima per un fallo su Vidallè. Le condizioni del terreno di gioco erano infami ma la Samb ha cercato sempre di giocare la palla, mentre l’Avellino ha pensato solo a scavalcare il centrocampo con dei lanci lunghi. Per come è impostata la nostra squadra il terreno pesante è stato un handicap maggiore. Abbiamo giocatori veloci capaci di giocare palla al piede, ma anche per gli allenamenti non c’è data la possibilità di provare schemi su campi in cui la palla rimbalzi regolarmente. Nonostante tutto cerchiamo sempre di fare la partita e credo debba esserci riconosciuto. Domenica andiamo a Napoli e credo sia una bella sfida per tutta la città, che non mancherà di essere presente in massa al San Paolo. Hanno richiesto 2500 biglietti? C’era da immaginarselo. Noi faremo di tutto per regalargli qualche gioia.
Criaco: il pareggio è giusto. Forse se fossimo stati più fortunati avremmo potuto strappare i tre punti dal Riviera delle Palme, ma tutto sommato, abbiamo incontrato una squadra tosta, che non ti regala nulla. Seguo la Samb perché ho molti amici sia tra i giocatori che nello staff dirigenziale e so che qui si sta lavorando molto bene. L’Avellino è stato allestito per vincere il campionato, non ci nascondiamo, ma la C1 non è facile e lo dimostra il campionato irto di difficoltà di una super squadra come il Napoli.
Zanetti: il campo era al limite della praticabilità, ma nonostante tutto siamo riusciti a fronteggiare un avversario tosto, che fino a ieri era in testa alla classifica, gestendo il pallino del gioco per tutto il primo tempo. Non credo ci fosse rigore per i campani, ma sinceramente non ho visto bene. Siamo già con la testa a Napoli perché come è logico sentiamo la partita. Nonostante tutto scenderemo in campo sapendo che se giochiamo come sappiamo possiamo fare risultato. Le nostre virtù sono Concentrazione e determinazione: le sfrutteremo al meglio.
A cura di
Luigi Maria Perotti

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 288 volte, 1 oggi)