SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In attesa del posticipo tra Samb e Avellino, questi sono i risultati della decima giornata del girone B della C1.
RISULTATI 10° GIORNATA
Benevento-Vis Pesaro 1-0
Chieti-Lanciano 0-0
Padova-Cittadella 2-0
Reggiana-Martina 5-1
Rimini-Giulianova 3-1
Samb-Avellino lun. 20:30
Sora-Fermana 4-6
Spal-Foggia 1-1
Teramo-Napoli 1-1
CLASSIFICA
Rimini 21, Reggiana e Avellino 18, Padova e Lanciano 17, Samb 16, Chieti e Fermana 14, Foggia, Spal e Napoli 13, Benevento 12, Giulianova 11, Sora 10, Teramo 9, Cittadella e Martina 8, Vis Pesaro 6.
COMMENTI (fonte Datasport.it): Primato a orologeria. Aspettando l’esito dello scontro al vertice, il posticipo Sambenedettese-Avellino in cartellone, come al solito, il lunedì successivo alla domenica di campionato, il Rimini travolge in casa il Giulianova e si incorona provvisoriamente re del girone. Alle sue spalle la classifica, per ora, si sgrana. Infatti la piazza d’onore dista tre lunghezze ed è occupata dalla Reggiana, che aggancia gli irpini grazie alla goleada interna inflitta al Martina, mentre il Lanciano impatta sul campo dei cugini del Chieti e scivola in terza posizione, dove viene raggiunto dal Padova, in virtù del successo dei biancoscudati nel derby con il Cittadella. Ancora delusioni, invece, per il Napoli, che al comunale di Teramo non va al di là di una sterile spartizione del bottino. Nella parte centrale della graduatoria il pareggio al Mazza tra Spal e Foggia impedisce a entrambe balzare in avanti. In fondo si registra l’eclatante expolit della Fermana, che viola il Tomei con un punteggio tennistico, mentre l’amara trasferta della Vis Pesaro a Benevento lascia i marchigiani unici fanalini di coda. Da segnalare che questa è la domenica di campionato con più reti realizzate, ben 27 reti, come la quarta. Ma la giornata non è ancora conclusa. Manca ancora il posticipo.
Benevento-Vis Pesaro 1-0: Era dalla partita d’esordio che gli stregoni non conquistavano il bottino pieno al Santa Colomba. Due mesi or sono. Il gol che rompe il lungo digiuno dei sanniti porta la firma di Antonio Di Nardo. Il minuto fatale per i marchigiani è il 64’: Massaro si propone sulla fascia destra, serve Molino appostato nei pressi dell’area piccola, sul primo palo, controllo e sfera appoggiata alla punta giallorossa, che con la porta spalancata davanti a sé non ha difficoltà a depositare in fondo alla rete. Nella prima frazione entrambe le compagini avevano avuto l’opportunità di sbloccare il risultato, ma in entrambi le circostanze il vantaggio era stato fallito per un soffio
Migliori in campo: Lotti (B), Ginestra (VP).
Chieti-Lanciano 0-0: L’ennesima sfida abruzzese di questo campionato termina pari e patta. La divisione della posta è la conseguenza di un terreno di gioco molto pesante, reso ai limiti della praticabilità a causa dell’insistente precipitazione che si è riversata sull’Angelini per diverse ore e che è proseguita durante tutta la durata dell’incontro. Nella prima frazione la partita è molto combattuta, in particolare sul piano fisico. E non potrebbe essere altrimenti data la situazione metereologica. Nella ripresa le emozioni calano, sino al 90’, quando i frentani vengono graziati da Lambertini, che salta con un attimo di ritardo e da ottima posizione non riesce a intercettare il pallone.
Migliori in campo: Di Cecco (C), Nassi (L).
Padova-Cittadella 2-0: Il derby padovano si chiude nel segno dell’equipe di Ulivieri, che con questi tre punti torna a insediarsi sul podio. Confronto deciso dalla doppietta di Matteini. I biancoscudati si portano in vantaggio al 57’ grazie alla freddezza del loro numero nove, abile a trasformare un penalty decretato dal direttore di gara per un intervento irregolare di Damien sul medesimo giocatore di casa. Soluzione centrale, ma l’estremo difensore granata tuffa in anticipo. Al 64’ sono due: Damien sbaglia l’intervento in area di rigore, il cuoio termina ancora tra i piedi del centravanti, che da pochi metri castiga Peresson, raggiungendo Andrea Soncin I in testa alla classifica dei marcatori.
Migliori in campo: Matteini (P), Amore (C).
Reggiana-Martina 5-1: Pugliesi travolti dall’unico team imbattuto tra i 61 di serie B e C1. I granata aprono le danze all’8’ in seguito a una gran botta di collo pieno da fuori di Ranalli. Bis al 33’ in virtù di un rigore di Borneo, fischiato per un fallo di Lisuzzo sulla stessa ex punta del Teramo. Tris al 45’ ad opera di un tap-in Deflorio, su un tiro di Borneo non trattenuto da Narciso. Poker al 56’ grazie a un delizioso pallonetto di Redavid. Ultimo sigillo degli emiliani apposto al 75’ ancora da Borneo, che indirizza di testa alle spalle del portiere al termine di una pregevole azione manovrata. E all’80’ un’inzuccta di Lentini timbra la rete della bandiera dei biancoazzurri.
Migliori in campo: Redavid (R), Nessuno (M).
Rimini-Giulianova 3-1: Il confronto tra le uniche due città del girone che si affacciano sul Mare Adriatico regala ai romagnoli il primato in solitudine, almeno sino a lunedì sera. Al 2’ i ragazzi di Acori passano: poco prima del limite Floccari cerca di servire Muslimovic, palla leggermente deviata da un difensore, si inserisce il bomber serbo, che entra in area e infila Greco in uscita. Momentanea parità al 21’ grazie a un secco diagonale di Frati dalla destra che si insacca a pochi centrimentri dal palo più lontano. Raddoppio dei biancorossi al 41’, quando Floccari svetta più in alto di tutti e corregge in fondo al sacco un traversone dalla destra di Trotta. Risultato in cassaforte all’82’, quando Ricchiuti scavalca il portiere ospite con una millimetrica palombella.
Migliori in campo: Di Giulio (R), Frati (G).
Sambenedettese-Avellino
Posticipo lunedì 15 ore 20.30.

Sora-Fermana 4-6: I canarini cinguettano anche lontano dal proprio nido. Aprono i giochi i marchigiani al 5’ con un diagonale di Bucchi dalla destra aiutato dal vento. Temporaneo pari al 18’ grazie a un tocco sotto di Magliocco che coglie Ripa leggermente fuori dai pali. Replica gialloblu al 26’ con una sberla dal limite di Kalambay, accelerata ancora dalla tramontana. Bottino incrementato al 28’ in virtù di un’inzuccata di Bucchi. Trilpetta di Bucchi al 35’. Al 36’ i laziali dimezzano il passivo con un destro al volo di Campo. Quinta rete degli uomini di Cari segnata al 48’ con un piattone sottomisura di Testa. Distanze accorciate al 79’ con Smerilli. E al 94’ Magliocco dà alla vittoria dei suoi proporzioni tennistiche.
Migliori in campo: Morleo (S), Bucchi (F).
Spal-Foggia 1-1: Match poco entusiasmante. Accade tutto nel primo tempo. Tatti illude gli estensi, Catalano li riporta con i piedi per terra. Danno avvio alle ostilità gli emiliani al 31’ per merito del loro numero nove, abile a controllare un lancio dalle retrovie, evitare in dribbling due avversari, affacciarsi all’interno dei sedici metri e lasciar partire una conclusione incrociata che non lascia scampo a Marruocco. I dauni riportano il risultasto in equilibrio al 46’ in virtù di una punizione a girare del loro capitano, precisa ma lenta, che leva le ragnatele dell’incrocio alla sinistra di Pierobon, con quest’ultimo che, però, non è esente da colpe.
Migliori in campo: Nessuno (S), Catalano (F).

Teramo-Napoli 1-1
: I vesuviani tornano a zoppicare. E rimangono nell’anonimato. Trovano per primi la via del gol gli azzurri al 30’, allorquando Abate conquista il fondo sulla corsia di destra e scodella al centro un pallone su cui scivolano entrambi i difensori biancorossi, Ola e Ferri; grazie alle pozzanghere la sfera si ferma proprio nei pressi di Varrichio, nel cuore dell’area, e che questi la piazza la dove Paoloni non può arrivare. Gli abruzzesi riacciuffano il pareggio al 70’, minuto in cui Cardinale raccoglie una corta respinta della difesa, dopo un batti e ribatti, e da venti metri indovina l’angolino alla destra di Belardi, assolutamente fuori causa.
Migliori in campo: Cardinale e Ola (T), Corrent e Varricchio (N).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 499 volte, 1 oggi)