SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Clonava carte di credito e le svuotava con spese folli acquistando cellulari o trascorrendo delle piacevoli serate al night. Protagonista dell’ingegnosa truffa Sima Alexandru Daniel, 20enne originario di Bucarest. Il giovane è stato arrestato dalla Polizia di San Benedetto con l’accusa di essere responsabile in concorso del reato di possesso e utilizzo continuato di carte di credito falsificate e possesso di documenti d’identità falsi.
L’uomo faceva parte di una banda di connazionali che già l’estate scorsa il Commissariato di Polizia locale era riuscito in parte a sgominare. Il gruppo di truffatori era dedito ad una vera e propria attività volta alla clonazione di carte di credito.
“Le carte contraffatte” ha spiegato oggi nel corso di una conferenza stampa il dirigente del Commissariato, Marco Fischetto – non venivano utilizzate solo a San Benedetto ma anche nel nord Italia e all’estero. I codici utilizzati per falsificarle sono stati rintracciati anche in Portogallo, Grecia e addiritura a Johannesburg”.
Nell’operazione le forze dell’ordine hanno sequestrato tre terminali ‘P.O.S.’ (uno di questi è stato prelevato presso un distributore di benzina) per la lettura delle carte di credito in alcuni esercizi commerciali di San Benedetto; esiste il sospetto fondato che la banda avesse introdotto nelle apparecchiature dei ‘chip’ che consentivano di copiare i codici della carte poi clonate. I tre macchinari sono stati inviati alla Polizia Scientifica di Roma per effettuare i rilievi tecnici del caso e rilevare eventuali impronte digitali.
Il rumeno finito in manette è stato trovato, inoltre, in possesso di documenti d’identità falsi, che servivano ad agevolare l’attività illecita. Con le carte clonate il giovane ha speso circa 5 mila euro, utilizzati per acquistare cellulari, serate al night e cene nei ristoranti della Riviera. All’operazione condotta dal Commissariato di San Benedetto ha collaborato la Polizia Postale di Ascoli, esperta in truffe informatiche. La vicenda potrebbe avere ulteriori sviluppi nei prossimi giorni. Le forze dell’ordine stanno, infatti, sottoponendo a controllo alcuni esercizi commerciali di Porto San Giorgio, che potrebbero essere stati raggirati da una truffa analoga a quella compiuta nella nostra città.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 485 volte, 1 oggi)