MONSAMPOLO DEL TRONTO – I Carabinieri di Monsampolo del Tronto hanno tratto in arresto sabato notte, intorno alle 2, due piccoli imprenditori della zona con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di L.A., 36enne di S.Benedetto, residente a Monsampolo, e di M.S., 34enne nato in Germania ma residente a Spinetoli. L’attività ‘illecita’ dei due era diventata punto di riferimento per i giovani che frequentavano i locali pubblici dell’hinterland.
Ad insospettire i militari è stato proprio il continuo via vai di persone dall’abitazione di M.S. Dopo aver effettuato per alcuni giorni accurati controlli, i carabinieri hanno deciso di fare irruzione sabato notte all’interno della casa del 34enne di Spinetoli: i due imprenditori sono stati sorpresi mentre stavano cercando di disfarsi di una sostanza stupefacente. La successiva perqusizione all’interno dell’abitazione ha consentito alle forze dell’ordine di rinvenire, all’interno di un materasso della camera da letto, un involucro contenente 20 grammi circa di cocaina e, nelle altre stanze della casa, tutto il materiale necessario per le operazioni di peso e confezionamento della sostanza.
I due uomini sono stati arrestati e associati alla Casa circondariale di Ascoli Piceno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 647 volte, 1 oggi)