GROTTAMMARE – Una manifestazione che a partire da quest’anno durerà due giorni: quella di S. Martino è una delle feste più sentite dai cittadini di Grottammare e non solo. Moltissimi i visitatori come pure gli stands, che quest’anno hanno raggiunto il numero record di 432.
Sono 400 le attività commerciali (25 bancarelle di alimentari, 31 di cibi cotti, 14 produttori diretti, 7 animali e fiori, tutto il resto all’abbigliamento) e 32 espositori a cui sono state applicate, per l’occupazione del suolo pubblico, le tariffe del 2002, che vanno da un minimo di 51 euro ad un massimo di 150, in funzione della zona e della dimensione dello stand.
A tre bancarelle (la più caratteristica, la più lontana per provenienza e la più pulita ed ordinata) andranno i premi messi a disposizione dal Comune di Grottammare, dalla Confesercenti e dalla Confcommercio, come ha sottolineato l’assessore al commercio Ugo Lisciani.
Le tipicità locali, come il vino novello (di dieci cantine associate alla Vinea) potrà essere degustato nei locali messi a disposizione in via Castelfidardo, mentre lo spazio adiacente alla scuola media è destinato all’esposizione delle case automobilistiche.
Al servizio di vigilanza municipale se ne affiancherà uno privato, la Fifa Service di S. Benedetto per la sorveglianza notturna. Sarà inoltre garantito un servizio di bus navetta della Start a cui si abbinerà un “trenino” che viaggerà sulla pista ciclabile: a S. Benedetto partito da Piazza Garibaldi mentre a Cupra Marittima dal Piazzale Kursaal. Il costo è di circa 2 euro. In concomitanza con la Fiera di S. Martino i musei di Grottammare resteranno aperti dalle 16.00 alle 19.00

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 380 volte, 1 oggi)