“A case de i sunatòre nen ce se sòne!” (Non si può essere saccente con chi ne può sapere quanto o più di te…”