TERAMO – Il Teramo scenderà in campo domani pomeriggio con la volontà assoluta di fare risultato. Troppo preoccupante la classifica odierna dei biancorossi, troppo importante dare un seguito ai progressi manifestati nel derby col Giulianova – è stata la migliore gara disputata dagli 11 di mister Foschi – fondamentale uscire dal momento-no che in pratica dura da inizio stagione e ricucire in parte il rapporto, quest’anno non idilliaco, con la tifoseria, la quale sembra non amare eccessivamente il nuovo allenatore dei “diavoli?. L’unico dato confortante è costituito dalla sola vittoria in trasferta ottenuta dai biancorossi a Pesaro, nelle Marche dunque, alla seconda giornata. Da allora due sconfitte lontano dal Comunale.
L’avvicendamento di mister Zecchini dopo appena novanta minuti (sconfitta interna contro la Fermana) è parsa ai più una scelta affrettata da parte della dirigenza, ma forse Malavolta junior stava pensando alla cosa già nel corso della preparazione estiva e soprattutto delle prime amichevoli. Fatto sta che sulla panchina abruzzese si è seduto Luciano Foschi che sinora, vuoi per i risultati altalenanti e vuoi per talune polemiche con la “piazza?, non è riuscito a vivere in serenità l’avventura teramana.
Parlavamo di polemiche, l’ultima è quella che lo vede protagonista insieme all’idolo della curva est, ovvero il centrocampista Stefano Bagalini (nativo di Sant’Elpidio a Mare), alla terza stagione in maglia biancorossa – dopo la parentesi avellinese dell’anno passato – ex pupillo di Zecchini e che ora invece non sembra essere troppo in sintonia con Foschi. Strascichi polemici hanno lasciato la sua esclusione domenica scorsa dal derby col Giulianova e pare che addirittura domani Bagalini non verrà nemmeno convocato.
A detta del trainer dei “diavoli? è stato lo stesso calciatore, alla vigilia del sentito match coi giallorossi, a confessargli di non sentirsi nella condizione fisica giusta, ma i maligni sostengono che Foschi non veda di buon occhio il ventitreenne centrocampista marchigiano, proprio perché ritenuto uno degli intoccabili dal suo predecessore Zecchini.
Polemiche interne a parte il Teramo che si appresta ad affrontare la Samb dovrà fare a meno di Quadrini – out praticamente tutta la settimana – Taua e Vincenti. Rientro da parte di Beretta e coppia centrale di difesa costituita da Marco Aurelio e Ola. Duo d’attacco Beretta-Chianese.
Ecco la probabile formazione del Riviera:
(4-4-2) Paoloni, Ferri, Ola, Marco Aurelio, Angeli, Nicodemo, Cardinale, Favasuli, Catinali, Beretta, Chianese. A disposizione: Mancini, Occhipinti, Schettino, Calà Campana, Boshnjaku, Bondi, Sadicki. Allenatore Foschi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 271 volte, 1 oggi)