SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il penultimo film del regista coreano Kum Ki-Duk, come suggerisce il titolo, parla dello scorrere delle stagioni, del ciclo naturale di crescita, decadenza e morte a cui non sono immuni neanche i protagonisti, due monaci che dividono un eremo galleggiante su un laghetto circondato dalle montagne.
Il ciclo delle stagioni segna quattro diversi momenti, dall’infanzia fino alla maturità, dell’esistenza di un monaco buddista che vive con la sola compagnia del suo maestro. I diversi momenti di crescita culmineranno in un quinto in cui l’eredità spirituale dell’uomo sarà tramandata ad un nuovo giovane discepolo, e in cui il ciclo dell’esistenza si chiuderà per poi riprendere dal punto di partenza.
L’atmosfera raggelata ma di profonda quiete, le immagini straordinarie che permeano l’intero film non lasciano presagire il dramma interno ai personaggi stessi, un conflitto che si risolve nel finale e che esplode a tratti in momenti di estrema violenza.
Il film (Corea, 2003, durata 103′) verrà proiettato martedì 2 novembre presso il cineteatro Calabresi; l’inizio dello spettacolo è previsto per le 21.30. Il costo del biglietto è di euro 4.50 e l’ingresso è riservato ai soli soci FIC, la cui tessera è acquistabile al botteghino al costo di euro 7.
Ricordiamo che giovedì prossimo tramite Sambenedettoggi.it sarà possibile vincere due biglietti per il successivo appuntamento del cineforum Buster Keaton. Per partecipare occorre essere registrati al sito.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 675 volte, 1 oggi)