REGGIO EMILIA – (Tutti gli articoli sulla Samb in www.sambenedettoggi.it/samb).
Reggiana e Samb, chapeau! Se il risultato finale è di 0-0, le emozioni procurate agli spettatori hanno sicuramente soddisfatti i cinquemila dello stadio “Giglio”. Pareggio giusto, non fosse altro perché nessuna delle due avrebbe meritato la sconfitta, anche se la Samb è stata di un gradino superiore alla “Regia”.
I rossoblù guidati sapientemente da Ballardini (voto: 8) hanno espresso per settanta minuti un gioco corale, disegnando sul prato di gioco ottime geometrie di gioco, senza sprecare mai un pallone, senza cedere un metro di campo. Partite così non venivano giocate dalla Samb di Colantuono in alcune occasioni (Pescara-Samb 0-0 e Teramo-Samb 1-1 di campionato, ad esempio), ma a favore di Ballardini c’è il fatto che questa squadra è stata costruita dal nulla e quindi gli applausi, stavolta, sono doppiamente meritati.
“Ringhio” De Rosa ha sostituito Amodio non dando neanche un secondo di respiro al portatore di palla avversario (chiunque esso fosse…); Cigarini si è confermato il solito ragazzino terribile, e per poco non ha segnato su tiro da lontano; Zanetti e Canini hanno compiuto, in due, un solo errore in novanta minuti; Taccucci è un terzino destro all’antica, va poco in attacco, ma in difesa chiude ogni buco; Colonnello ha trentun’anni ma sembra un ragazzino come ai tempi della Serie A; Tedoldi è acciaccato ma finché ne ha in corpo si sta confermando uno dei migliori esterni destri della C1; Bogliacino ha giocato oggi una gara praticamente perfetta, sfiorando la rete con una sforbiciata da campione; Vidallè ha giocato la sua migliore gara con la Samb, battendosi come un leone (peccato, in un paio di occasioni, un’eccesso di egoismo); Martini è un furetto rapidissimo, che oggi si è fermato a cinque centimetri dal gol; Favaro è un giocatore geniale, di classe eccelsa, come dimostra il contropiede che ha costruito al 92′ in collaborazione con Canini.
Oggi l’unica annotazione non positiva è venuta da Lanoizelet, all’esordio in campionato e sostituito dopo un quarto d’ora dal suo ingresso (“Il ragazzo è bravo, ma gli chiedevamo un altro gioco e purtroppo non riusciamo a comunicare bene con lui perché non parla l’italian o”, ha spiegato Roberto Beni).
Insomma, la Samb si presenta di fronte al trittico di gare della maturità (Teramo domenica, Avellino in posticipo, Napoli al San Paolo) con l’abito elegante di una squadra che oggi ci è sembrata troppo bella per potersi accontentare.
Ma l’obiettivo resta la salvezza…
CURIOSITA’ Il calciatore della Juventus Antonio Conte ha osservato la partita in tribuna, in compagnia di alcuni amici. A fine gara Conte si è intrattenuto a parlare con alcuni tifosi della Reggiana, nel parcheggio di fronte allo stadio. Abbiamo chiesto a Conte un breve commento della partita, e il forte centrocampista ha espresso il suo gradimento per l’incontro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 788 volte, 1 oggi)