CENTOBUCHI-MACERATESE=0-2
Reti: 49° Pesic, 70° Castiglione
.
Ammoniti:Capriotti, Mozzoni, Persiani, Corradetti. Espulsi: 59°Consales e Pesic per reciproche scorrettezze.
Angoli: 5-1.
Arbitro Mecozzi di Fermo 6; collaboratori Ciucci e Moranti di Ascoli Piceno.

Centobuchi:
Scaramucci 7 para un rigore sui gol non può nulla, perde l’impattibilità dopo 500 minuti.
Alessandrini 5 dalla sua fascia partono i cros dei gol.
Capriotti 6,5 sempre propositivo l’ultimo ad arendersi.
Mozzoni 6 sbaglia pochi palloni, sempre attento.
Cameli 5,5 troppe sbavature in difesa.
Persiani 6 cerca di dare un gioco alla squadra, colpisce una gran traversa.
Centanni 5 è sovrastato da Iommi, troppo fragile; dal 65° Curzi n.g.
Cipolloni 5,5 lotta molto, ma sbaglia anche tanto.
Consales 4,5 troppo nervoso, non tira mai in porta ed è anche espulso.
Sanna 5 una presenza impalpabile in attacco; dal 53° Corradetti 5 combina poco o nulla.
Simoni 6 prova a fare qualcosa sulla sinistra ma è poco supportato dai compagni; dal 62° Argira n.g.
A disp. Del Giovine, Ambrosino; Cicchi; Fantuzi.
All. Marocchi 6

Maceratese:
Albanesi 6 lavoro di ordinaria amministrazione.
Romagnoli 6,5 sempre attento e molto pulito negli interventi.
Iommi 7,5 spinge molto. È l’assist-man dell’incontro.
Vagnoni 5,5 risente dell’errore dal dischetto, partita sottotono.
Pesic 7 segna un gran gol e concede poco a Consales. Peccato per l’espulsione.
Santori 7 gioca una gran partita sui livelli di Pesic.
Castiglione 7 segna e crea gioco sulla fascia. Un’insidia costante sulla fascia destra.
Bucci 7 il motorino del centrocampo macina chilometri e chilometri.
Di Giuseppe 5,5 spesso fuori dal gioco; dal 61° Fagiani 6.
Oriente 6,5 è molto tecnico e veloce, gioca però troppo lontano dalla porta avversaria; dal 65° Pezzoli n.g.
Crocetti 6 poche giocate degne della sua fama; dal 67° Nocera n.g.
A disp. Capriotti, Captano, Massimi, Marzetti.
All. Nocera 7

E’ stata una partita molto tattica, con le due squadre che si temevano molto e si sono fronteggiate soprattutto a centrocampo. Poche le conclusioni in porta. La Maceratese è apparsa tecnicamente superiore e come le grandi squadre ha fatto prima sfogare l’avversario, per poi colpire nel momento giusto. Il Centobuchi, molto nervoso, può recriminare per una traversa presa da Persiani sull’0-1, che a molti ha dato anche l’impressione del gol quando la palla è rimbalzata in campo. Un episodio che poteva cambiare le sorti dell’incontro. Comunque la Maceratese, seguita da un buon numero di tifosi, la maggior parte entrati nel secondo tempo, ha meritato la vittoria, poiché oltre ai due gol ha dalla sua un rigore sbagliato da Vagnoni nel primo tempo. I punti di forza della squadra di mister Nocera sono apparsi i due centrali difensivi, sempre puntuali e precisi in marcatura, e le due fasce, che sono risultate una costante insidia per la difesa locale. Per la squadra di casa ci sarà l’ occasione di rifarsi, appena recupererà qualche giocatore in attacco che possa supportare meglio Consales, troppo isolato.
Cronaca.
Primo tempo
:
29° cross di Castiglione dalla destra, Iommi salta indisturbato indirizzando con la testa la palla sul secondo palo, che però esce.
34° Consales di testa sfiora il palo della porta ospite sugli sviluppi di un corner.
47° rigore per la Maceratese per fallo di mani di Persiani su tiro a botta sicura di Bucci; tira Vagnoni e Scaramucci respinge tuffandosi sulla sua destra.
Secondo tempo:
48° gol della Maceratese; Iommi va sul fondo e crossa, Pesic da solo in area può colpire indisturbato al volo la palla che si infila imparabilmente nell’angolo alto della porta difesa da Scaramucci.
69° gran tiro dai trenta metri di Persiani che supera Albanesi, colpisce la traversa e rimbalza nei pressi della linea e torna in campo.
70° contropiede ospite, Iommi va via sulla sinistra crossa in area per Castiglione che da due passi di testa infila in rete.

Nocera: “E’stata una partita dura, anche troppo; il Centobuchi ha esagerato nell’agonismo e in qualche intervento duro. Siamo stati bravi a non demoralizzarci dopo il rigore sbagliato, nel secondo tempo, infatti, abbiamo dominato meritando di vincere l’incontro. Sono contento del gol di Pesic, che ci prova spesso, sgangiandosi spesso in avanti. La sosta di domenica scorsa ci ha fatto bene, abbiamo potuto recuperare energie e giocatori. Il campionato non è finito oggi, il cammino è ancora lungo, ci sarà da soffrire fino all’ultima giornata; temo il ritorno di squadre come la Civitanovese, il Biagio Nazzaro e l’Urbisaglia che si è ultimamente rinforzata?.
Marocchi: “I loro gol sono arrivati da due nostri svarioni sulle fasce, peccato perché loro non ci hanno mai impensierito seriamente. Hanno fatto tre tiri e due gol, lo stesso rigore, devo dire, è stato concesso con troppa magnanimità dall’arbitro. Noi siamo stati vuoti in attacco, non abbiamo mai impegnato la loro difesa. La partita ha subito una svolta quando abbiamo preso la traversa con Persiani e poi loro, nell’azione successiva, hanno raddoppiato. Non ci abbattiamo per questo risultato e guardiamo avanti con fiducia; ora c’è il nostro turno di riposo, mi mancano tre attaccanti e se li recuperiamo per noi il discorso al vertice è ancora aperto?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 556 volte, 1 oggi)