SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sangiorgese-Cuprense è la gara più attesa in prima categoria. La squadra di mister Clerici ha l’occasione di innescare la prima fuga stagionale. Sono soltanto due i punti che la distanziano dalla rivale Sangiorgese. La vittoria significherebbe un distacco di cinque lunghezze e la chiara intenzione di non mollare la vetta.
Anche in Eccellenza si fanno i conti alla rovescia per Centobuchi-Maceratese. I ragazzi di mister Marocchi, attualmente secondi in compagnia della Vigor Senigallia, hanno l’opportunità di far capitolare la capolista prendendo il comando della classifica.
Dopo due risultati utili consecutivi, il Grottammare vuole centrare il terzo. Contro la quinta classificata, il Fortis Spoleto, la squadra di Izzotti (che non potrà stare in panchina per squalifica fino all’11 novembre) non può sbagliare. I tre punti donerebbero una ventata di ottimismo per il proseguo della stagione.
Tecnico nuovo, risultato nuovo. Il Porto d’Ascoli, dopo aver esonerato Massimo Teodori, ha affidato le proprie sorti a Dino Grilli. C’è tempo per il gioco, c’è tempo per l’assimilazione di nuovi schemi ma non c’è tempo per la classifica. Vincere a qualunque costo, è l’obbiettivo del nuovo trainer biancoceleste.
La Ripa ha avuto il suo scossone. Nonostante la sconfitta di sette giorni fa, gli amaranto hanno mostrato evidenti segni di miglioramento. In casa del Pagliare, un successo allontanerebbe la momentanea crisi che da settembre tormenta la squadra di Mascitti.
L’Acquaviva è alla ricerca della sua seconda vittoria. Contro l’Amandola non basterà corazzare la difesa per mantenere inviolato il risultato ma occorrerà potenziare l’attacco. I vari Balletta e Viscioni sono chiamati a rispondere positivamente a questo appello.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 237 volte, 1 oggi)