SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Riserva naturale della Sentina sembra possa vedere la luce entro dicembre. Tutti i partecipanti alla riunione di stamattina della Conferenza delle Autonomie, alla quale ha partecipato anche il Presidente della Provincia di Ascoli Piceno, Massimo Rossi, la vogliono e non ci sarà ostruzionismo. L’unico problema sorto, che Pietro D’Angelo assicura non creerà rallentamenti, riguarda la gestione della riserva; non è possibile, infatti, come era stato erroneamente pensato, equiparare una riserva naturale ad un parco, dove un ente è preposto all’attività di gestione. La conduzione del Parco naturale della Sentina spetterà alla Provincia, la presidenza, al Comune di San Benedetto del Tronto, questo quanto proposto dalla Conferenza delle Autonomie, che, ricordiamo, è un organo consultivo non vincolante.
Pietro D’Angelo è soddisfatto: “Mai stati così vicini alla realizzazione della riserva, se non riuscissimo ad istituirla entro dicembre sarebbe grave, sia per i fondi europei che andrebbero perduti sia perché con le elezioni regionali del 2005 nessuno porterebbe avanti il progetto. Sono molto felice poiché i membri della Conferenza delle Autonomie e della maggioranza del Consiglio Regionale sono a favore della riserva, consci soprattutto dell’importanza di accelerare i passaggi istituzionali. L’Ufficio legale della Regione ha dato parere negativo riguardo l’affidamento della gestione della Riserva naturale della Sentina ad un ente, come nel caso dei parchi naturali, ma non ci saranno rallentamenti, sarà la Provincia ad amministrarla e ne sono lieto, poiché ritengo importante un’ottica comprensoriale.?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 416 volte, 1 oggi)