SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si discute il punto 9 riguardante la convenzione con la Samb Calcio.
Martinelli: “Sono orgoglioso di essere arrivato a questo momento, dopo essere stato messo alla berlina da alcuni politici locali e da parte delle stampa. Qualcuno mi aveva consigliato di consegnare le chiavi della città a Gaucci. Con l’avvento della nuova dirigenza, guidata dal presidente Mastellarini, persona semplice e schietta, i rapporti tra Amministrazione e società sono tornati buoni. E’ stato un bene che Gaucci sia andato via. Un appunto all’imprenditoria locale: nessuno si è fatto avanti per rilevare la Sambenedettese. Il Comune invece ha voluto fare uno sforzo, che tra l’altro comporterà un notevole ritorno promozionale per tutta la città. Questa convenzione non è una regalo alla piazza, ma una possibilità concreta per la squadra e la città di portare il nome della Riviera delle Palme in diverse realtà d’Italia. Ricordo gli interventi messi a punto dall’Amministrazione, a partire dal 2002, per la messa a norma dello stadio. Gli ultimi interventi, per un importo di oltre 200 mila euro, consentiranno di aumentare la capienza dell’impianto a oltre 13 mila spettatori.
L’impegno che stiamo profondendo per la Samb non va a scapito degli altri sport. Presto, infatti, la città sarà dotata di quattro nuove strutture: tra queste la palestra della scuola Curzi e la tensostruttura in zona Agraria. Invito l’opposizione affinché stavolta lasci da parte polemiche e sarcasmo. La proposta in oggetto riguarda la concessione per la stagione 2004-2005 della gestione dello stadio alla Sambenedettese calcio e la concessione di un contributo di 250 mila euro in cambio della promozione della Riviera delle Palme da parte dello stesso club. La famiglia Gaucci non aveva accettato quanto proposto dall’Amministrazione. La squadra di calcio locale è un fenomeno sociale, evidenziato dal grande seguito di tifosi e dall’attenzione dei mezzi di comunicazione.
Evangelisti (Forza Italia) fa una digressione sugli ultimi cambiamenti tra le fila della maggioranza. L’aula si riscalda e nasce un piccolo diverbio tra lo stesso Evangelisti e gli esponenti di Azione Indipendente. Passando alla convenzione con la Samb, il capogruppo di Forza Italia parla di “svolta importante per il bene della città?, auspicando che il calcio riesca a debellare finalmente il problema irrisolto dei bilanci in rosso delle società.
Capriotti (Sdi): “Non capisco il sindaco quando parla di imprenditori locali che non si sono fatti avanti per la Samb. Negli anni 70-80 molti cittadini ci hanno rimesso di tasca propria per il bene della squadra. La delibera sulla convenzione sarà approvata, i tifosi stiano tranquilli, il problema è come affrontare il problema delle spese del calcio moderno. La Samb è un pezzo di storia da difendere. Bisogna però avere una cultura sportiva più ampia, non è possibile che lo sport si regga solo sul calcio, esistono anche gli sport minori.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 233 volte, 1 oggi)