Grottammare-CATTOLICA 2-2 Izzotti: “Se l’espulsione vale un rigore, ben venga?
GROTTAMMARE: Baggio, Cocciardo, Marcantoni, Nigro(86’ Coccia), Moro, Traini, Deogratias, Marcucci, Pazzi, Bollettini(84’ Del Moro), De Reggi. (Di Clemente, Oddi, Del Moro, Coccia, Binari, Potacqui, Simoni) All. Izzotti
CATTOLICA: Nardi, Mercuri, Simoncelli, Ticchi(60’ Leardini), Santini, Cipriani, Marini, Marchetti, Pittaluga, Marino(77’ Benedetti), Cacace (56’ Cimini). (Bertozzi, Cimini, Tauro, Leardini, Benedetti, Turchi, Gasperini). All. Spini
Arbitro: Viti di Campobasso
Spettatori: circa 400
Angoli: 1 – 6
CRONACA PRIMO TEMPO:
15’ Il Grottammare passa in vantaggio dopo un quarto d’ora di gioco con una punizione di Marcucci al limite dell’area avversaria, la palla finisce in rete a fil di palo senza che Nardi possa fare nulla. 23’ Marcucci vede Pazzi in area, effettua un passaggio filtrante ma Pazzi non riesce ad agganciare ed effettuare il tiro. 33’ Mischia nell’area biancoceleste, ne esce un tiro insidioso respinto prontamente dal portiere Baggio. Sulla ribattuta arriva Marini che effettua un tiro angolato, sul quale si tuffa miracolosamente Baggio, deviando la palla in angolo.
CRONACA SECONDO TEMPO:
46’ Simoncelli effettua un tiro angolato molto pericoloso ma il portiere del Grottammare è bravo a deviare in angolo. 56’ Colpo di testa di Marini, che sbaglia di poco la mira facendo sussultare gli spettatori. 58’ Pareggio del Cattolica: Simoncelli anticipa cocciardo nell’area del Grottammare e crossa a destra per Santini, il quale non si lascia sfuggire l’occasione e tira prontamente sotto la traversa, siglando l’1-1. 74’ Pittaluga cade senza nell’area biancoceleste sull’uscita del portiere Baggio, con il quale non ha nessun contatto. L’arbitro decide comunque di assegnare il rigore, ed è lo stesso Pittaluga a segnare con un tiro rasoterra alla destra del portiere: 2-1 per il Cattolica. L’allenatore del Grottammare Izzotti verrà espulso subito dopo per proteste. 81’ Bollettini riceve fallo nell’area avversaria e l’arbitro stavolta assegna il rigore al Grottammare. Simoni dal dischetto effettua un tiro rasoterra alla sinistra del portiere Nardi, riportando la sua squadra in parità sul 2-2.
GROTTAMMARE: Baggio 7, Cocciardo 6, Marcantoni 6, Nigro 7, Coccia s.v., Moro 6, Traini 6, Deogratias 6, Marcucci 7, Pazzi 6, Bollettini 7, Del Moro s.v., De Reggi 6
CATTOLICA: Nardi 6, Mercuri 6, Simoncelli 6, Ticchi 6, Santini 7, Cipriani 6, Marini 6, Marchetti 6,
Il commento di Izzotti, allenatore del Grottammare:
“Se farmi espellere significa farsi ridare un rigore a favore ben venga. E’ stata una partita che si poteva vincere come perdere, quindi questo pareggio assume a mio avviso una certa importanza. Il Cattolica mi è sembrata una squadra ben preparata, armonica e tenace da non sottovalutare per la partita di ritorno. Non a caso è attualmente seconda in classifica.Per quando riguarda i miei ragazzi, loro hanno messo l’impegno e l’abnegazione che avevo chiesto, ed è questo ciò che più mi interessava. Quando hai a che fare con un gruppo di giovani così devi essere molto elastico, perché ci sono partite importanti e altre meno importanti da affrontare di settimana in settimana. E’ difficile trovare l’equilibrio giusto perché si creano di volta in volta discontinuità pericolose. Se poi sei reduce da partite giocate bene e poi perdi le successive, queste discontinuità si fanno sempre più pesanti. E’ per questo che dobbiamo cercare la continuità di risultato sempre e comunque.?
Il commento del Direttore Sportivo Pino Aniello
“Abbiamo fatto girare la palla fin dall’inizio, raggiungendo così il vantaggio dopo un quarto d’ora di gioco. Nella seconda fase della gara poi abbiamo resistito tenacemente agli attacchi avversari, fino al momento del pareggio. C’è comunque da dire che, se l’arbitro non avesse fischiato quel dubbio rigore, le cose sarebbero probabilmente andate diversamente.
Bollettini oggi era in gran forma, si faceva sempre molto insidioso nell’area avversaria. E’ grazie a lui che abbiamo ottenuto un rigore a favore per pareggiare i conti. Secondo me è stato il migliore in campo, se avesse a disposizione un’altra punta di supporto -magari più esperta, come quella che è in arrivo a breve- potremmo creare molte più occasioni da goal. Comunque non è stato lui il solo a giocare bene oggi: tutti i ragazzi si sono dati da fare dando il loro meglio. La squadra adesso può solo migliorare, ma -come dice Izzotti- dobbiamo cercare la continuità di risultato.
Questo 2-2 è buono: in fin dei conti ha dimostrato che deve prevalere la totalità della squadra. L’iniziativa personale -che sia di un giocatore durante la partita o di un dirigente in ambito amministrativo- non basta a mandare avanti il tutto.
Anche con il San Sepolcro, nella partita precedente, non ci siamo difesi affatto male. Dobbiamo tenere a mente che solo giocando tutti insieme con la grinta giusta e con l’obiettivo della salvezza sempre presente davanti a noi possiamo ottenere dei buoni risultati.?
A cura di Giuseppe Verdecchia
e Paolo Damiani

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 129 volte, 1 oggi)