SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Jesina è allenata da quest’anno da Giorgio Romiti, reduce dal campionato vinto l’anno scorso con la Civitanovese nel campionato di Promozione. Le sue squadre giocano spesso con quattro difensori, tre centrocampisti e un fantasista che supporta le due punte.
A difendere la porta biancorossa è il bravo Bugio, i quattro difensori in linea sono da destra verso sinistra Cangiano, Celli, Erbuto, quest’ ultimo però domenica sarà assente per via dell’espulsione rimediata nel turno precedente e molto probabilmente sarà sostituito da Alessandrini, a sinistra poi agisce Zaccagnini. Il centrocampo si regge sulle giocate dell’ esperto Natali, ex Samb, uomo d’ ordine dello scacchiere biancorosso, e sulla corsa di Pirani che agisce prevalentemente sul centro destra, e su Zaccagnini sul centro sinistra; l’ex Truentina Ciabattoni è il vertice alto e gioca spesso tra le linee di centrocampo e attacco sempre pronto a suggerire le due punte, che sono il bomber di razza Polverari, con oltre cento gol segnati nei dilettanti e Langiotti, altro ex Samb e Truentina, che ama partire dalla fascia sinistra. In panchina Romiti, che difficilmente potrà schierare domenica il suo pezzo da novanta, ossia il fantasista argentino Javier Cabello da poco tornato tra i leoncelli e sempre in attesa del sospirato transfert, può contare su altri giocatori importanti come il giovane ex Civitanovese e Acquaviva Spina, l’ attaccante Maccaroni, il centrocampista Tomassoni e il fantasista Goglia. La Jesina finora ha totalizzato 6 punti e occupa le zone medio-alte della classifica, ma i programmi della nuova società sono di una pronta risalita nel campionato nazionale dilettanti, se non direttamente, almeno attraverso la lotteria dei playoff. Intanto ieri la Jesina è stata sconfitto nel turno di coppa italia dilettanti dalla Biagio Nazzaro per 1-0, ed è stato eliminata. Mister Romiti ha mischiato un po’ le carte dando spazio maggiormente a chi finora ha giocato di meno, mettendo in campo solo pochi titolari.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 248 volte, 1 oggi)