BENEVENTO – Il pari casalingo dell’altro ieri ha strascichi negativi ed amari nell’ambiente sannita. Mettiamo la prova imbarazzante offerta da Molino e compagni, aggiungiamo i fischi impietosi dei 3000 scarsi del Santa Colomba, sommiamo pure la rissa tra Petrazzuolo e Martino ed un capannello di tifosi nel cortile dello stadio dopo la partita – i due calciatori hanno reagito agli insulti dei sostenitori campani in maniera poco diplomatica, scagliandosi contro i propri denigratori. Il risultato è un cocktail esplosivo: la società nella giornata odierna ha infatti annunciato il silenzio stampa.
Il sodalizio giallorosso sceglie dunque la via del silenzio per far fronte a questo difficile momento. Dopo il match contro il Chieti l’allenatore Benedetti ed il presidente Spatola avevano cercato di gettare acqua sul fuoco, ricercando prima nell’assenza del regista Menolascina la ragione principale della “figuraccia? dell’11 di casa e poi asserendo che l’amarezza del pareggio era addolcita dai risultati delle altre squadre che giocano per le prime posizioni. Come dire che il Benevento crede fermamente nelle possibilità di poter disputare un torneo di alta classifica. Niente sarebbe compromesso. Al momento però appare francamente molto difficile; l’Avellino, il Rimini, il Lanciano e la Reggiana, sembrano quantomeno più organizzate.
La “soluzione silenzio? stampa va certamente interpretata come il tentativo di fare quadrato, tutti insieme, staff tecnico e società, allo scopo di uscire fuori da questo periodo estremamente delicato, in cui è soprattutto il rapporto con l’ambiente ad essersi incrinato.
Riportiamo qui di seguito il comunicato con cui la società sannita dichiara il silenzio stampa:
“La F.C. Sporting Benevento, visto il delicato momento in cui non regna la giusta serenità nel rapporto tra i propri tesserati e la tifoseria, soprattutto in considerazione degli incresciosi episodi verificatisi nel dopo partita di domenica scorsa, ed in considerazione dei prossimi importanti impegni di partite di campionato, impone ai propri tesserati il silenzio stampa con decorrenza immediata sino a quando riterrà opportuno interromperlo.
Designa quale unico interlocutore con la stampa il Direttore Sportivo Sergio Raffaele.
Si augura che questa decisione, peraltro sofferta, serva a riprendere il “giusto cammino? di rispetto e cordialità, teso al raggiungimento dei risultati che tutti si auspicano?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 199 volte, 1 oggi)