ASCOLI PICENO – ‘Si’, e’ vero…mi sono inventato tutto, non sono stato sequestrato. Lo ho detto perche’ mi hanno rubato lo zaino e non sapevo come dirlo a casa’. Con una ritrattazione dopo ore di interrogatorio, M. D. S., il 13enne di Porto Sant’Elpidio che aveva raccontato di essere stato rapito da tre stranieri che volevano da lui informazioni su un compagno di scuola, figlio di facoltosi imprenditori e dunque potenziale vittima designata di un sequestro, ha confessato la verità.
Una marcia indietro totale, hanno riferito i carabinieri di Fermo, che insieme a quelli di Ascoli Piceno stavano cercando di far luce sull’episodio. Il ragazzino, che aveva detto di essere stato bendato e legato ai polsi con del nastro adesivo per due ore, ha spiegato di essersi appiccicato da solo lo scotch, per rendere piu’ credibile il suo racconto

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 242 volte, 1 oggi)