La Rosa (Ds Samb): Peccato per quel rigore. Stavamo attaccando e abbiamo preso il gol in contropiede. Sostanzialmente il pareggio è giusto, il nostro girone è difficile ci sono partite dure e dovremo essere bravi a fare più punti prima possibile.
Beni (All. 2a Samb): una squadra che non molla mai, abbiamo ripreso una gara dopo lo svantaggio, non era facile. Si vedono ancora errori di gioventù ma questi ragazzi sono più maturi della… loro età anagrafica. Non hanno mai perso la testa. Regaliamo questo punto alla nostra tifoseria e alla città tutta. Favaro ha fatto un bel gol, ha questi colpi ma è un ragazzo che deve crescere sia come calciatore che caratterialmente.
D’Ippolito (Consulente di mercato Samb): abbiamo tenuto bene il campo ed è stato ingiusto passare in svantaggio, il primo tempo avevamo giocato bene, poi il nostro carattere ci ha ripagati. A gennaio torneremo sul mercato per stare più tranquilli. Lo sponsor tecnico non sarà più l’Errea, domani ne sapremo di più.
Scrigna: abbiamo avuto tre palle gol ed una traversa ed abbiamo segnato su rigore. La Samb è una buona squadra che lascia pohi spazi, si copre molto, noi facciamo fatica a concludere le tante occasioni che creiamo. Il risutato finale è la logica conclusione delle nostre difficoltà realizzative.
Favaro: abbiamo fatto una grande partita, il pareggio è giusto. Segnare è stata una fortuna, quella punizione poteva anche non arrivare ed ora avremmo avuto molto da rammaricare. Sono contento perchè mi dispiaceva tornare senza punti. Non credo che ci saranno problemi in attacco, Vidallè e Martini li ho visti bene. Ho molta fiducia.
Colonnello (Capitano Samb): il risultato è giusto, potevamo anche vincere perchè abbiamo avuto diverse occasioni. Una buona gara la nostra, non abbiamo mai mollato. Bisogna migliorare soprattuto a livello difensivo. Gazzola fino ad un anno fa giocava attaccante, dificile per lui trovare il giusto equilibrio in un ruolo nuovo. Questi ragazzi provengono dalla Primavera e bisogna capirli. A Favaro avevo detto che doveva segnare proprio nel momento in cui stava per calciare la punizione del pareggio. Bisogna caricarlo perché è un grande talento e se è costante può giocare anche in serie A. Una cosa però mi ha meravigliato: gli insulti del tecnico del Cittadella per tutta la partita senza saperne il motivo, vincere sarebbe stato più bello anche per questo. (I.V.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 642 volte, 1 oggi)