SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Come far divertire insieme grandi e piccoli. Domenica 17 Ottobre, a partire dalle ore 15, in V.le Secondo Moretti, il ludobus “Ludobussola? della Cooperativa Sociale “Systema? presenterà un pomeriggio di giochi per assaporare a tutti il diritto di giocare. “Il tesoro dei colori – Lasciateci giocare in pace? è infatti il titolo della manifestazione giunta alla sua 3° edizione che è aperta a tutti coloro, grandi e piccini, che vogliono trascorrere un pomeriggio insieme all’insegna del gioco e del divertimento.
Quest’anno la manifestazione assume una nuova veste; in continuum con le iniziative organizzate il 29 maggio scorso, giornata mondiale del gioco, si pone come punto di partenza per un’altra iniziativa, “Arriva il ludobus?, promossa dall’Assessorato alle politiche sociali: “La ludoteca mobile – spiega l’assessore alle Politiche sociali Pasqualino Piunti – si sposterà di volta in volta, fino a dicembre, in tutti i quartieri cittadini al fine di istituire un nuovo servizio e una valida offerta di gioco in città. Grazie al lavoro svolto dall’assessore alla partecipazione Ruggero Latini con i presidenti dei comitati, è stato stilato un calendario di appuntamenti nei 15 quartieri della città che si succederanno da qui alla fine dell’anno?.
Con il Ludobus funzionerà anche uno “sportello? itinerante, il ?Ludo box?, che raccoglierà pareri e bisogni dei cittadini relativi alle possibilità di gioco in città, alle iniziative in favore e a tutela dei minori. Durante queste tappe saranno anche promosse le attività del Centro per le Famiglie “L’albero? di Via Manzoni. La riflessione sul gioco, come importante elemento di pace, verrà sottolineata dalla presenza dell’Unicef e del S.O.S. Missionario di San Benedetto del Tronto che, con i loro stand, offriranno la possibilità di acquistare giocattoli ma anche prodotti di altro genere eco ed equo-solidali.
La manifestazione è sponsorizzata anche stavolta dalla Coop Adriatica, da sempre impegnata con importanti organizzazioni non governative in una campagna di solidarietà in quelle zone del mondo dove i conflitti riducono notevolmente la possibilità di giocare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 262 volte, 1 oggi)