GROTTAMMARE – Il cineforum di Grottammare Blow Up, giunto al suo decimo anno di vita, inserisce delle novità affianco alla consueta programmazione cinematografica. Quest’anno infatti le proiezioni saranno intervallate ad un corso di storia ed antistoria del cinema. Le lezioni e le proiezioni si svolgeranno da ottobre 2004 ad aprile 2005 alla Sala Kursaal il venerdì alle 21.30 e saranno tenute da Tommaso La Selva con la collaborazione di Margherita Vetrano per il filone delle antistorie e da Sergio Vallorani e da Fabrizio Leone per quel che riguarda la storia del cinema.
L’obiettivo degli organizzatori è quello di trattare gli audiovisivi in maniera differente, attraverso l’approccio didattico, che racconterà la storia del cinema secondo due punti di vista differenti, quello classico e quello di genere e popolare. Il corso è stato impostato in maniera tale da dare la possibilità a chiunque lo voglia di crearsi un proprio percorso, all’interno del quale si potrà seguire in maniera libera gli argomenti trattati.
Il restyling, ottenuto grazie all’inserimento dell’attività didattica, permette allo spettatore di entrare in possesso di una grammatica per leggere il cinema, come sottolinea l’assessore alla cultura Enrico Piergallini, che aggiunge: “Il progetto che l’associazione Blow Up sta portando avanti potrebbe essere definita come un’iniziativa di resistenza che fa ricerca in maniera seria e contrasta la penuria culturale attuale.”
Lo stesso sindaco di Grottammare Luigi Merli ringrazia i membri dell’associazione che con il loro impegno hanno mantenuto sempre viva e costante l’attenzione sul cinema.
Si partirà venerdì 15 ottobre con la proiezione di “Una storia americana” (U.S.A., 2003) film documentario vincitore del Sundance Festival 2003 e di Persian’s 13-18 di Stan Brakhage (U.S.A., 2001). Per la prima serata l’ingresso è gratuito.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 242 volte, 1 oggi)