GROTTAMMARE – La sera del 7 di ottobre si è svolta, presso il quartiere Bello Sguardo Sgariglia, la prima delle sette assemblee cittadine previste nell’ambito della fase di consultazione partecipativa in cui è impegnata l’Amministrazione Comunale di Grottammare, finalizzata alla redazione del Bilancio di Previsione 2005.
Gli incontri con la cittadinanza servono quindi per ottimizzare al meglio le risorse e decidere insieme quali interventi realizzare con le disponibilità finanziarie. Nel quartiere Bello Sguardo Sgriglia sono emerse le prime indicazioni, citate dal presidente di quartiere Speca: oltre ad interventi di manutenzione ordinaria, è emerso l’inqualificabile e incivile comportamento dei proprietari dei cani che sembra abbiano scelto proprio l’area verde a ridosso del quartiere per le deiazioni dei loro animali. Il sindaco ritiene che il problema si possa risolvere solo con un forte senso civico e il comitato è stato esortato a sensibilizzare i residenti. È stata invece rigettata la proposta di far svolgere il Consiglio Comunale nel quartiere, perché, come ha spiegato il Sindaco Luigi Merli, “i quartieri devono riconoscere come loro appartenenza il centro storico, nel quale il consiglio comunale ha la sua sacralità nella sede ad esso adibito.?
Ad ogni modo, nel prossimo incontro tra amministrazione comunale e quartiere Bello Sgariglia, il signor Luigi Damiani si è assunto il compito di portare a conoscenza dell’amministrazione comunale le priorità da affrontare in quel quartiere.
“Questo tipo di rapporto tra Amministrazione e cittadinanza – ha ricordato il Sindaco Merli – sta diventando una consuetudine importante a Grottammare, e si sta trasformando in un modello italiano oggetto di studi nazionali. Andremo avanti per studiare le priorità di intervento da dare agli interventi pubblici.? Merli ‘bacchetta’ ad ogni modo la politica di tagli decisa dal governo centrale: “Con la riduzione dei trasferimenti statali – ha continuato il Sindaco – si andrà a toccare i servizi erogati che quest’anno sono rimasti invariati, pur mostrando sintomi già di difficoltà?. Rispetto al 2003, infatti, i contributi statali sono diminuiti dal 7,18% al 5,35% del totale delle spese comunali, che comunque sono rimaste pressoché stabili (11.764.515 euro nel 2004). Tra l’altro dal 1° gennaio 2005 la Tassa sui Rifiuti dovrà trasformarsi in tariffa, completamente a carico del contribuente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 256 volte, 1 oggi)