SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Gli agenti del Commissariato di pubblica sicurezza di San Benedetto del Tronto sono riusciti ad individuare due uomini che avevano compiuto in città, negli ultimi mesi, numerose rapine e furti ai danni di negozi locali e di passanti; uno e’ stato arrestato, l’altro denunciato a piede libero.
Il primo è un abruzzese di 24 anni, D.S.F., pregiudicato e tossicodipendente che mercoledì scorso aveva tentato di mettere a segno l’ultimo colpo, minacciando sulla strada con una pistola, un turista bergamasco. Causa la presenza di molti testimoni l’azione non era poi andata in porto, con il rapinatore che si era dileguato a bordo di un Ford KA. Partite subito le indagini, grazie al ritrovamento di un suo passamontagna e di un suo berretto, è stato però individuato dalla polizia e arrestato con l’accusa di tentativo di rapina aggravata per uso d’arma, e trasferito al carcere di Ascoli.
La polizia ritiene che il pregiudicato sia l’autore, insieme ad un complice, di diversi furti portati a termine a San Benedetto nell’ultima estate, e per questo sta effettuando riscontri e verifiche su tutte le denunce pervenute in Commissariato di recente.
L’altra persona bloccata dalla Polizia è un extracomunitario congolese di 32 anni, F.S.K., che aveva messo a segno numerose rapine ai danni di negozi del centro della citta’. L’uomo e’ stato denunciato a piede libero.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 557 volte, 1 oggi)