SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riportiamo di seguito il commento rilasciato dal nostro lettore Luigi Orlandi all’articolo pubblicato da Sambenedettoggi.it il 4 ottobre (‘Il neo assessore Felicetti: “Accettate le garanzie da me richieste”). Si ricorda che per commentare direttamente gli articoli è necessario iscriversi al nostro sito.
“Mi conforta la percezione, in questo ultimo periodo, di una maturazione della cultura di governo sia nei vertici di Forza Italia che nel gruppo consiliare di AN. Molta amarezza per l’incomprensibile stillicidio a cui è stato sottoposto l’Assessore Sestri che lo ha indotto a rassegnare le dimissioni. Ma la città gli sarà sicuramente riconoscente per la determinazione con cui ha portato avanti, nella massima trasparenza, il progetto del Piano Regolatore che dovrebbe essere protocollato nei prossimi giorni.
Il neo assessore Felicetti ci dovrebbe spiegare se la cultura di governo di AN e FI è stata nel costringere l’assessore Sestri a dimettersi o a favorire la sua nomina? Una poltrona può cambiare l’opinione espressa sulla giunta in qualità di consigliere, e forse, cambiata la visuale, si cambia anche opinine?
Ora che è assessore e siede accanto a chi ha, come da lui dichiarato, infranto le regole e cercato di guidare il PRG si schiererà a favore delle regole chiedendo le dimissioni dell’assessore in questione o anche la nuova visuale ha cambiato il giudizio su cosa è legale e cosa no? Spero che non sia questo il messaggio che il nuovo assessore invii alla pubblica istruzione salvaguardando i valori da insegnare ai nostri ragazzi.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 429 volte, 1 oggi)