SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un invito alla protesta per i concessionari di spiaggia, i gestori di camping e gli altri imprenditori del settore turistico balneare. Lo formula la FIBA Confesercenti Marche per il 16 ottobre a Rimini.
A 28 giorni dall’entrata in vigore dell’aumento del canone demaniale pari al 300%, l’associazione di categoria, riflettendo su una stagione balneare negativa, sulla borsa degli italiani sempre più vuota, su una promozione turistica all’estero non efficace e su una agguerrita concorrenza internazionale, si domanda perché si voglia ulteriormente penalizzare il settore, contesta il benché minimo aumento dei canoni, chiede provvedimenti di sostegno per un rilancio del settore turistico balneare e propone, infine, iniziative concrete come quella di classificare nel modo giusto le concessioni demaniali esistenti con criteri uniformi in tutte le regioni interessate.
“Una legge c’è” sottolinea la FIBA Confesercenti “è buona, basta applicarla nel modo giusto” senza ricorrere ad aumenti indiscriminati.
L’incontro di protesta avverrà al Sun/Mare di Rimini con ritrovo alle ore 10,30 presso lo stand della FIBA al padiglione D1 n. 16 e 17.
L’associazione resta a disposizione per suggerimenti su ulteriori forme di protesta.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 378 volte, 1 oggi)