*Tra chi minaccia crisi dell’amministrazione e chi, come sta facendo il Sindaco, afferma che i partiti sono un intralcio per l’amministrazione, può e deve esserci una via di mezzo.
La vita dell’attuale amministrazione è stata tribolata sin dal primo giorno, senza sosta, anche se siamo arrivati a seicento giorni dalle prossime elezioni comunali.
Non credo nella filosofia del gioco-forza che a turno viene adottata dai consiglieri e dal sindaco; questa filosofia può anche una illusoria pax, ma finisce comunque per riesplodere se non si governano i rapporti tra i partiti. È una questione che ha a che fare con la capacità di gestione del potere e ritengo che in questo il sindaco è mancato.
Non è un buon segno che comincino, sulla stampa locale, ad uscire già i nominatividei papabili candidati sindaci per le comunali del 2006. Tutto questo sta a testimoniare come presumibilmente la prossima campagna elettorale sarà all’insegna della discontinuità con l’attuale amministrazione con evidenti ripercussioni negative sull’esito della votazione per il centrodestra. Non sarà facile far comprendere all’elettorato che nulla sia accaduto prima.
Le recenti elezioni di giugno lo testimoniano. Dal voto politico delle Europee emerge una sostanziale parità di consenso tra centrodestra e centrosinistra, mentre nel voto amministrativo si è assistito ad una vera e propria dèbacle elettorale. Un segnale evidente per chi sta amministrando San Benedetto.
La Speranza. Basta con le polemiche sui giornali ma senza rinunciare alla chiarezza su certe questioni fondamentali. Il sindaco deve rivedere radicalmente il proprio rapporto con i partiti e recuperare un buon rapporto con gli stessi. Se si troverà un punto di incontro dovranno concentrarsi le energie per tentare un disperato rrilancio dell’amministrazione, se invece non si dovessero intravvedere le condizioni per proseguire con l’esperienza di governo, sarà bene pensare ad altre soluzioni.

*Luigi Cava
Dirigente Provinciale Alleanza Nazionale

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 357 volte, 1 oggi)