SARDEGNA POLTU QUATO – Nella splendida cornice isolana si è svolta la quarta prova del campionato del mondo classe Endurance destinato a imbarcazioni di serie. Al via 16 partecipanti divisi nelle consuete classi Evolution e Super Sport che si sono date battaglia nelle due gare previste per il fine settimana (una Sabato 25 e una Domenica 26 Settembre).
Sabato 25 settembre, sotto un vento di Maestrale che spirava a 25-30 nodi ed un onda di non meno 2.5 mt si sono aperte le prove libere del Gran Premio di Poltu Quato in Sardegna. Vento e mare quasi impossibili da navigare in gara senza far danni alle imbarcazioni. La gara ha preso il via con tre ore di ritardo ed in forma ridotta rispetto al programma per consentire il miglioramento della condizione meteo marina che era in attenuazione.
La gara ha preso il via alle 15.30 con Fainplast di Pennesi-Ascani e Thuraya di Panata-Castellani che scattano subito in testa al gruppo. Le due imbarcazioni finiranno prime nello rispettive categoria Super-Sport ed Evolution a 90 e 107 Km/h di media.
La gara è stata avvincente e ha visto numerosissimi sorpassi in entrambe le categorie. Claudio Castellani, che insieme al Panata pilota l’imbarcazione Thuraya, ha dichiarato: Si è trattato di una gara molto dura ed avvincente, abbiamo dovuto lottare molto con l’equipaggio di OSG Donzi per arrivare davanti.?
Pennesi ha invece dichiarato: “La gara è stata fantastica e l’imbarcazione portacolori del circolo Nautico Sailor’s Heaven Club di San Benedetto del Tronto si è comportata superbamente nonostante le cattive condizioni delle acque.?
Così sotto la bandiera a scacchi di Gara 1:
Evolution Class
1 – Thuraya – 10 points
2 – Dino Bianchi – 7 points
3 – OSG Donzi – 5 points
SuperSport Class
1 – Fainplast – 10 points
2 – Buzzi Bullet – 7 points
3 – Lonsdale – 5 points
Domenica 26 Settembre
La condizione meteomarina è decisamente migliorata. La Gara 2 era per le 12.30 e ha preso il via regolarmente.
Al via, alle calcagna della barca starter c’è sempre il solito Fainplast 41 che in compagnia di due altre imbarcazioni della classe Evolution (categoria superiore), Osg Donzi e la Thuraya prendono immediatamente la testa della gara.
Durante le 56 miglia di gara c’è stato recupero favoloso nella categoria Evolution di Aldo Gliori, noto campione di motonautica al ritorno dopo un anno di assenza a causa di un clamoroso incidente.
Nella categoria Supersport come preannunciato nella conferenza stampa di sabato, Pennesi-Ascani-Bisceglia hanno facilmente vinto.
Così i rappresentati della città di San Benedetto sono riusciti a vincere brillantemente ancora una volta lasciandosi dietro le spalle i piloti maltesi del Team Chaudron e Osg Junior che ha tagliato il traguardo in terza posizione.
Dopo la trasferta tirrenica il team è saldamente al comando della classifica generala ed un’altra vittoria nelle prossime gare significherebbe che il titolo mondiale di off-shore classe Endurance per la prima volta in tutta la sua storia arrivi a San Benedetto del Tronto.
La telecronaca delle due gare sarde verrà trasmessa su Sailing Channel (circuito Sky) dalla settimana prossima.
Gara 2 Endurance
Evolution
1 – Dino Bianchi, ITALY – 10 points
2 – Thuraya, ITALY – 7 points
3 – Cantieri del Mediterraneo, ITALY – 5 points
SuperSport
1 – Fainplast, ITALY – 10 Points
2 – Chaudron, MALTA – 7 points
3- OSG Junior, ITALY – 5 points
4 – Buzzi Bullet, UK – 3 points
GRAND PRIX OF POLTU QUATU – OVERALL WINNERS
Evolution
1 – Dino Bianchi, ITALY – 17 points
2 – Thuraya, ITALY – 17 points
3 – Cantieri del Mediterraneo, ITALY – 8 points
SuperSport
1 – Fainplast, ITALY – 20 points
2 – Buzzi Bullet, UK – 10 points
3 – Chaudron, MALTA – 7 points

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.457 volte, 1 oggi)