Il sindaco Martinelli, tornato in sala stampa dopo la fine della gestione Gaucci è il primo a prendere la parola: ?Con Mastellarini inizia una nuova era per la Samb. Puntiamo molto su questa dirigenza e abbiamo intenzione di far passare in consiglio entro la prima decade di ottobre una nuova convenzione in cui il contributo di 100 mila euro verrà ritoccato verso l’alto. L’impegno dell’Amministrazione è visibile anche negli interventi che sta subendo il Riviera delle Palme per avere l’agibilità di 13 mila spettatori”. Mastellarini è lì vicino e contraccambia le effusioni allargandosi a tifosi e D’Ippolito: “Il sindaco ha fatto tantissimo per noi e ora abbiamo il compito di offrire lo spettacolo che questa città merita. Ringrazio i tifosi per l’incitazione costante alla squadra sotto una pioggia incessante e D’Ippolito che è stato l’artefice di tutta l’operazione che mi ha portato a San Benedetto. In due giorni, è riuscito a fare una squadra che ci darà tante soddisfazioni”.
Tornando al calcio giocato, le dichiarazioni del dopo gara sono fin troppo piene di entusiasmo per un scialbo zero a zero casalingo.
Colonnello: Dobbiamo migliorare un po’ in fase offensiva, ma il clima che si respira nello spogliatoio e la qualità della rosa mi fa ben sperare. Il Rimini è uno squadrone e ci ha messo sotto per tutta la gara, ma siamo riusciti a tenergli testa. Man mano che passano le settimane riusciamo a crescere sempre di più e anche se l’obiettivo rimane la salvezza, credo che se continua così potremmo toglierci qualche soddisfazione.
Gutierrez: Il campo pesante ci ha impedito di giocare palla a terra e quindi abbiamo dovuto cambiare gioco, riuscendo ad incidere poco.Sono soddisfatto del pareggio perché i nostri avversari erano molto forti e soprattutto nel secondo tempo ci hanno messo sotto.
Ricchiuti: La Samb mi ha fatto un’ottima impressione. Era messa molto bene in campo ed è riuscita a bloccare le nostre azioni offensive, impedendoci di tirare. E’ molto bello giocare in uno stadio come il Riviera ed è un vero peccato che il terreno pesante abbia condizionato lo spettacolo.
Baccin: Il Rimini ha dominato per 90 minuti, ma è pur vero che siamo riusciti ad andara al tiro poche volte. E’ un campionato duro ed equilibrato ed in fondo un punto in trasferta, non è mai male.
Muslimovic: La difesa della Samb era ben messa ed era difficile entrare in area palla al piede, così ho provato spesso il tiro da fuori. Il Rimini deve ancora migliorare tanto ed oggi il campo pesante ci ha impedito di pungere.
Canini: Il terreno pesante ci ha penalizzato non poco. In difesa abbiamo chiuso bene senza correre grossi rischi. Il Rimini si è reso pericoloso con un colpo di testa di Docente e con alcuni tentativi dalla lunga distanza di Muslimovic.Noi invece abbiamo iniziato bene, poi nella ripresa siamo calati leggermente. La Samb punta decisamente a raggiungere la salvezza e per ora pensiamo solo a lavorare bene durante la prossima settimana per fare bene a Fermo, nel derby.
Gazzola: In settimana ho recuperato del leggero infortunio subito domenica scorsa a Foggia. Un giudizio sulla mia prova? Penso positivo, ho chiuso bene sulla fascia, rilanciando più di una volta gli avanti rossoblù.Il Rimini si è reso pericoloso solo in un paio di occasioni. Stiamo crescendo come squadra, l’intesa aumenta ogni domenica e sono fiducioso per il futuro.Domenica andiamo a Fermo per giocarcela, è un po’ nel nostro spirito cercare sempre il massimo ad ogni incontro.
Cigarini:La Samb oggi aveva di fronte una ottima formazione, ma malgrado questo ci siamo comportati bene in ogni reparto. In difesa,a centrocampo, ed in attacco.L’importante è che abbiamo mosso la classifica e che stiamo migliorando ogni domenica. La salvezza resta il nostro primo obiettivo.
Bravo: Il Rimini ha allestito una formazione per disputare un campionato importante, e fino ad oggi stiamo rispettando la tabella di marcia.Il risultato di parità mi sembra più che giusto, anche se noi nella ripresa siamo scesi in campo più determinati per tentare il colpaccio, ma ci è mancato qualcosa negli ultimi venti metri, forse un pizzico di precisione.
Sicuramente se oggi le due formazioni avessero avuto la possibilità di giocare su un terreno di gioco migliore avremmo assistito ad una piacevolissima partita di calcio.
Oggi ha esordito il Napoli in campionato ed abbiamo visto che i nomi non contano. In C1 non si vince il campionato con i nomi, ma con i risultati.
Spadavecchia: L’unico grosso pericolo l’ho corso sul colpo di testa ravvicinato di Docente. Diciamo che l’ho deviata d’istinto in angolo.Anche oggi abbiamo giocato bene anche se dobbiamo ancora migliorarci in difesa, qualche piccolo meccanismo va aggiustato. Pensiamo e concentriamoci sulla prossima partita contro la Fermana.
Tedoldi: Oggi ho giocato più palloni rispetto agli incontri precedenti. Il modulo, un 4-3-1-2 mi permette di trovarmi nella zona nevralgica del campo. Purtroppo oggi non sempre si poteva giocare con la palla a terra, le condizioni del campo erano pessime specialmente sulla fascia destra, ( sotto la tribuna coperta ). Quella di oggi è stata una partita maschia, decisa, ma corretta.Il risultato mi sembra giusto.Le due squadre che si sono affrontate a viso aperto, giocando un buon calcio, peccato per il terreno di gioco.Il Rimini è una signora squadra, ma anche noi abbiamo fatto la nostra bella figura. La Samb deve giocare così, migliorando domenica dopo domenica, continuando a lavorare bene durante la settimana.
Bogliacino: Alla Samb manca solo un po’ di tempo. Ha bisogno di lavorare ancora e soprattutto noi giocatori ci dobbiamo conoscere meglio. Oggi abbiamo giocato molto con lanci lunghi, per evitare le pozze d’acqua. Per le caratteristiche dei nostri giocatori questo non era il gioco migliore. Noi possiamo esprimerci meglio con scambi rapidi , ma sempre con la palla a terra.In settimana prepareremo al meglio la partita contro la Fermana, che da quanto mi dite è un derby molto sentito per i tifosi della Samb.
Goffredo Agostini

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 198 volte, 1 oggi)