IL PUNTO: Gli irpini proseguono a punteggio pieno. Ma la prima pagina spetta al Napoli Soccer, che esordisce in serie C1 per la prima volta nei suoi quasi ottanta anni di storia. Anche se l’inaugurazione ufficiale di questo nuovo corso non è con il botto. Un pareggio che ha visto i partenopei sciupare un vantaggio di due reti. Tornando alla classifica, alle spalle della capolista troviamo un gruppo composto da Spal, Teramo e Lanciano, con estensi e diavoli vittoriosi di misura davanti al proprio pubblico e frentani corsari, sempre di misura, a Padova. In terza posizione si attesta la coppia composta da Reggiana e Rimini, grazie, rispettivamente, al roboante successo interno degli emiliani sul Martina e al pareggio a reti bianche degli adriatici al Riviera delle Palme. Per il resto si registra il clamoroso flop casalingo del Benevento, piegato in rimonta da un orgoglioso Foggia, e l’incolore spartizione del bottino il Biondi tra Chieti e Fermana. Unica formazione a bocca asciutta la Vis Pesaro.
Napoli due partite in meno, Fermana e Vis Pesaro una partita in meno.
Avellino-Vis Pesaro 2-0: I lupi sono affamati di serie B e divorano i marchigiani con due bocconi. Aprono le marcature gli irpini. È il 45’, quando Millesi trafigge Ginestra con un secco diagonale a pelo d’erba dalla sinistra che indovina il secondo palo. Con questo gol la punta biancoverde supera il suo scoore realizzativo dell’anno scorso. La seconda rete viene confezionata al terzo minuto di recupero per merito di una strepitosa azione personale del difensore Vincenzo Moretti, abile adribblare come birilli due difensori marchigiani con uno splendido slaloom e freddare il numero uno biancorosso con un preciso colpo di biliardo.
Migliori in campo: Riccio (A), Cazzola (VP).
Benevento-Foggia 2-3: Secondo scivolone consecutivo dei campani, il primo davanti a i propri tifosi. Aprono le danze i sanniti al 41’, quando da posizione molto defilata Maschio infila Marruocco sul primo palo. Raddoppio al 47’ con Di Nardo, che approfitta di un rimpallo, dopo un batti e ribatti in area, e insacca con un tocco morbido. I satanelli dimezzano il passivo al 62’ in virtù di una potente rasoiata su punizione di Ban da 25 metri. Pari al 82’ grazie a un’incornata sottomisura di Moro. E all’86’ Mounard completa la rimonta regalando ai supporter pugliesi presenti al santa Colomba la prima gioia dell’anno.
Migliori in campo: Menolascina (B), Mounard (F).
Chieti-Fermana 0-0: Teatini e canarini non si fanno male. Ma l’incontro è pesantemente condizionato da un autentico diluvio che ha iniziato a riversarsi sul Biondi alcune ore prima del fischio d’inizio e che ha accompagnato giocatori e spettatori durante tutto l’arco dei novanta minuti più recuoero. Nonostante ciò nella prima frazione la partita è piacevole, con le due formazioni che tentano di imbastire trame pericolose. Nella ripresa, però, prevale la stanchezza e la gara si trascina stancamente sino al 92’, quando l’attaccante gialloblu Bucchi ha la pall-match, ma la spreca calciando su Ciaramellano in uscita. Espulso al 59’ il mister neoverde Donati per proteste.
Migliori in campo: Guariniello (C), Bucchi (F).
Napoli-Cittadella 3-3: In un San Paolo con una cornice di pubblico di tutto rispetto per questa categoria, i partenopei battezzano la storica prima in serie C1 con un pirotecnico pareggio. Inaugurano il festival dei gol i veneti al 4’ in virtù di un’incornata di Ignoffo, sugli sviluppi di un corner di Gatti. Risposta immediata degli azzurri all’8’, quando Ignoffo scarica in fondo al sacco un calcio d’angolo di Toledo. Bis dei vesuviani al 27’ con una zampata sottomisura di Savino. Tris alla mezz’ora grazie a un’autorete di D’Aniello, che devia nella propria porta un cross basso dalla destra di Toledo. I granatieri accorciano le distanze al 48’ con una violenta punizione dal limite di giacobbo. E definitiva parità al 68’, timbrata dal piattone di De Gasperi.
Migliori in campo: Toledo (N), Sgrigna (C).
Padova-Lanciano 2-3: Prosegue l’avvio balbettante della compagine di Ulivieri. All 44’ i frentani passano: è Soncin I a trasformare una massima punizione fischiata per uno sgambetto di Florindo su Nassi. Momentaneo equilibrio al 60’ in virtù di una velenosa rasoiata di Bedin, che entra all’angolino alla sinistra di Cano. Nuovo vantaggio abruzzese al 78’, ancora su rigore e ancora con Soncin. Ma questa volta l’intervento su Nassi appare meno clamoroso di quello precedente. Nuova replica dei patavini all’88’ con Cecchini, in seguito al terzo penalty della gara. Ma al 92’ Moresi, appena entrato in campo, appone il suo sigillo alla prima vittoria esterna dei rossoneri.
Migliori in campo: Colombo (P), Nassi (L).
Reggiana-Giulianova 5-0: Gli emiliani festeggiano in grande stile la prima affermazione stagionale; mentre per gli abruzzesi l’appuntamento è rimandato. Gli emiliani danno avvio alla sagra del gol al 9’ grazie a De Vezze, che da due passi appoggia oltre la linea di porta un cross basso dalla destra di Bertolini. Bis al 44’ con Bertolini, che beffa Cano in uscita con una deliziosa palombella. Tris al 63’ ad opera di Bonfanti, liberato da uno splendido colpo di tacco di Bertolini, non ha difficoltà a gonfiare la rete. Poker al 70’, quando l’onnipresente Bertolini conlcude in modo impeccabile un’azione manovrata dei suoi. E all’87’ il palcoscenico del Giglio regalala ribalta anche a Minetti.
Migliori in campo: De Vezze (R), Nessuno (G).
Spal-Martina 1-0: La sfida tutta biancoazzurra si chiude nel segno degli estensi. Fatale per la squadra della valle d’Itria la rete al 41’ di Roselli. L’azione: i pugliesi non sfruttano un tiro dalla bandierina a loro favore, entra in possesso della sfera l’estremo difensore emiliano che serve con le mani Cunico a centrocampo, questi avanza indisturbato sino alla trequarti, apre per Altobelli che si libera per la conclusione; il tentativo è respinto da Narciso, ma il pallone termina tra i piedi del numero otto di casa che ribadisce agevolmente in rete. Nella ripresa l’undici guidato da Allegri amministra facilmente il minimo scarto, favorito un’avversaria tutt’altro che pericolosa.
Migliori in campo: Consonni e Roselli (S), Cazzarò (M).
Teramo-Sora 1-0: I diavoli raccolgono il primo successo casalingo. Ma è un errore del numero uno bianconero a servire agli abruzzesi i tre punti su un piatto d’argento. E’ l’81: D’Angelo calcia una punizione dalla trequarti di destra, la traiettoria sembra innocua, ma Ripa calcola male il tempo dell’uscita. Il risultato è che la palla, toccata dal portiere ciociaro nel tentativo di alzarla sopra la traversa, termina dietro alle sue spalle. Nei primi quarantacinque minuti i biancoverdi avevano costruito diverse opportunità, ma dopo essere rimasti in dieci al 55’ per un cartellino rosso a Chianese avevano sofferto l’inferiorità numerica.
Migliori in campo: Angeli (T), Morleo (S).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 359 volte, 1 oggi)