SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Niente variante al PRG per il momento. Questo perché, ieri, in Consiglio Comunale, il capogruppo Ds, Giovanni Gaspari, ha costretto l’Assessore Poli al ritiro del punto riguardante il cambio di destinazione dell’area in Via Sgattoni (di fronte l’ITC “A.Capriotti?). Ritiro richiesto, in seguito ad una dura contestazione del leader del centro sinistra, anche da alcuni membri della maggioranza.
Il vizio era formale: non era stato consegnato ai consiglieri un documento. In contrasto con quanto previsto dal regolamento del Consiglio Comunale, che prevede che tutti gli atti siano presentati cinque giorni prima, il documento in questione, il parere della Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, era stato da poco inserito nelle cartelle.
“Sono dispiaciuto – ribadisce oggi Gaspari – che l’ing. Zampacavallo abbia preso la parola, dietro invito del Presidente del Consiglio, quando solo il Sindaco può chiedere interventi chiarificatori di questo tipo e, soprattutto, sono deluso dall’atteggiamento del Segretario Generale, dott. Giorgetti, che si è comportato come Ponzio Pilato, lavandosene le mani. Abbiamo bisogno di garanti per il rispetto delle regole, se queste vengono meno finisce il gioco. In diritto amministrativo, la forma non è un optional?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 621 volte, 1 oggi)